CONDIVIDI
Ferrari 488 GTB Spider (foto da Autoevolution.com)
Ferrari 488 GTB Spider (foto da Autoevolution.com)

 

L’arrivo su strada è previsto nel 2017, ma un’anteprima ai saloni dell’auto potrebbe giungere già il prossimo anno. Intanto l’attesissima Ferrari 488 GTB Spider ha finalmente un “volto”: è stata infatti immortalata a Maranello nel corso di una “staffetta” con la sorella coupé. E i cambiamenti proposti con la variante scoperta si annunciano numerosi quanto interessanti.

 

Tra passato e futuro

La novità principale – come riportano i colleghi di Autoevolution – riguarda il tetto in metallo: una porzione che si ripiega al di sotto dei due rollbar, con un meccanismo di apertura che dovrebbe sollevare la zona immediatamente dietro al lunotto verticale per poi chiudersi a conchiglia.

Due ampie scanalature ai lati della copertura motore convogliano inoltre l’aria calda dal vano verso lo spoiler soffiato (nonostante il posteriore sia conformato diversamente).

Per quanto riguarda il motore, resta confermato il 3.9 litri biturbo con 670 CV di potenza, anche se il sound ha subìto un’ulteriore rivisitazione che lo ha reso ancor più seducente nella marcia con capote abbassata.

Per quanto riguarda il nome, non è escluso che arrivi la sigla GTS, d’altra parte già usata sulla 308 GTB, ultima berlinetta a motore centrale con la medesima sigla.

I richiami alla 458 Italia Spider sono ben evidenti, a partire dalle due gobbe dietro ai sedili, con funzioni di rollbar e di supporto per il tetto in metallo. E vale la pena di ricordare che la 458 Spider è oggi spinta dal V8 da 570 CV e pesa 1505 kg. Mettendo a confronto la 458 Italia e la 488 GTB, si nota una riduzione di peso pari a ben 85 kg, 1.370 per la GTB contro i 1.455 della Italia: la futura 488 Spider potrebbe dunque pesare circa 1420 kg.

I patiti della Casa di Maranello si stanno già leccando i baffi…

Google ha selezionato TuttomotoriWeb.com tra i siti accreditati per il servizio News. Seguici su Google News per restare aggiornato su tutte le notizie dal mondo dei motori