CONDIVIDI
Dallara Stradale

Il primo esemplare di Dallara Stradale è stato consegnato all’ingegnere Giampaolo Dallara nel giorno del suo compleanno. Nato il 16 novembre 1936, per la sua festa di compleanno ha ricevuto il primo di 600 esemplari della splendida barchetta italiana che raccoglie la tecnologia delle corse applicata al piacere della guida. Un prodotto unico, progettato per esaltare le competenze chiave dell’azienda: strutture in fibra di carbonio, aerodinamica e dinamica del veicolo.

La Dallara Stradale è una barchetta senza portiere, come le monoposto da competizione. Può essere personalizzata in configurazione roadster grazie al montaggio di un parabrezza. Con l’aggiunta di due porte con l’apertura ad ala di gabbiano, la vettura diventa una coupé. Installando un T-Frame, la vettura diventa targa. Un’anima racing dalle diverse facce con un solo obiettivo: realizzare una vettura per riscoprire il puro piacere della guida in strada o in pista.

“Mi piace pensare che Colin Chapman, che ho incominciato ad ammirare fin dai tempi della sua Lotus Seven, approverebbe l’essenzialità e la semplicità di questa vettura”, ha dichiarato l’Ing. Giampaolo Dallara, Presidente della Dallara Automobili. “In questo progetto c’è tutto ciò che abbiamo imparato dalle corse e dalle collaborazioni con i nostri clienti, e sono convinto che chi utilizzerà questa vettura potrà provare il gusto del viaggio per il viaggio, la voglia di salire in macchina per fare un bel giro, il piacere della guida”.

Per gli amanti della pista è possibile addizionare un’ala posteriore per migliorare la configurazione aerodinamica e installare sospensioni regolabili che consentono di abbassare la vettura in assetto pista garantendo un elevato standard di comfort in qualsiasi condizione. La Dallara Stradale prevede un cambio manuale a sei rapporti, ma tra gli equipaggiamenti opzionali è previsto un sistema “paddle-shift” per la robotizzazione del cambio che minimizza il tempo di cambiata, dotato di due modalità e due differenti mappature, automatico: Normal e Sport; e manuale: Normal e Sport.

Raggiunge un peso totale di 855 kg grazie all’ampio utilizzo di materiali compositi con fibre di carbonio. Il cuore pulsante è un 4 cilindri 2,3L sovralimentato in grado di erogare 400 CV. La Dallara Stradale è dotata dei più moderni sistemi di controllo di stabilità ESP Bosch (che include ABS-EBD-TCS-VDC) per garantire un eccellente controllo della vettura in tutte le condizioni d’uso.

La Dallara Stradale è stata sviluppata e realizzata in stretta collaborazione con Bosch, che ha operato come parte integrata della squadra di progetto Dallara e si è occupata dello sviluppo dei principali sistemi di controllo elettronici della vettura e del motore e ne ha certificato l’affidabilità. La collaborazione con Pirelli ha permesso di sviluppare lo pneumatico interamente al simulatore, sfruttando tutte le conoscenze sia nel campo Motorsport che in quello Stradale. Invece lo stile della vettura è stato realizzato in collaborazione con Granstudio di Lowie Vermeersch.

Luigi Ciamburro