Lucchinelli la tocca piano: “I piloti battuti da Mir dovrebbero vergognarsi”

Marco Lucchinelli all’attacco sulla stagione 2020: “Mir ha vinto senza Marquez. Ma avrebbero dovuto emergere Dovizioso e Rossi”

Joan Mir festeggia la vittoria del Mondiale di MotoGP 2020 (Foto Dorna)
Joan Mir festeggia la vittoria del Mondiale di MotoGP 2020 (Foto Dorna)

Mir è stato bravo a conquistare il titolo e gli altri se lo sono fatti portare via… Dovizioso, Miller e tutti quelli con le Yamaha, da Quartararo, a Vinales, dovrebbero anche vergognarsi un po’”. La tocca piano, come del resto è d’abitudine per lui, Marco Lucchinelli, nell’analisi che ha dedicato alla conclusione della MotoGP 2020.

Al di là della soddisfazione per aver visto tornare al titolo iridato quella Suzuki che lui stesso portò sul tetto del mondo nel 1981, Lucchinelli considera questo campionato in un certo senso azzoppato per l’assenza di Marc Marquez.

Lucchinelli parla del vincitore e degli sconfitti

“I Mondiali sono Mondiali e quando li vinci nessuno te li porta via”, mette in chiaro ai microfoni di Motosprint, “però questo non è il Mondiale che ho vinto io vincendo cinque gare, o che hanno vinto altri piloti come Franco (Uncini, ndr). È un Mondiale vinto perché Mir ha una bella moto e lui è stato costante. Non gli si possono togliere i meriti, però non c’era Marc Marquez, e l’uomo da battere sarà sempre lui, è il riferimento. Se vinci il Mondiale stando davanti a lui è una cosa, se lo vinci perché non c’è… bravo lo sei, magari lo avresti vinto lo stesso, però è sempre un Mondiale dove non c’era Marquez“.

Quello che Cavallo pazzo sottolinea con ancora maggiore forza, però, sono le mancanze degli altri piloti, favoriti sulla carta, che avrebbero dovuto approfittare dell’infortunio del Cabroncito. “Marquez è stato l’uomo nero per Dovizioso, che è arrivato tre volte secondo…”, prosegue Lucchinelli. “Ecco, se avessi dovuto scommettere lo avrei fatto su Dovizioso, su Rossi, perché mancando l’uomo da battere, avrebbero dovuto emergere loro. Invece no, è stato bravo Mir, quindi onore al merito per quello che ha fatto”.

Marco Lucchinelli (Foto Dorna)
Marco Lucchinelli (Foto Dorna)