F1 GP Turchia, Prove Libere 3: tempi e classifica finale

(©Ferrari Twitter)

Si è concluso l’ultimo turno di prove libere in Turchia. Il maltempo ha caratterizzato tutti i 60 minuti a disposizione.

Con una temperatura di 13° C e la pioggia battente ha preso il via la terza sessione di prove libere sul circuito di Istanbul. Essendoci previsioni di acqua anche al pomeriggio i piloti ne approfittano per cominciare a prendere le misure ad una pista che giù asciutta ha dimostrato di essere piuttosto scivolosa.

Romain Grosjean è il primo ad entrare in azione con la Haas.

Per Sergio Perez subito un testacoda.

Dopo un quarto d’ora dall’avvio contatto tra le Ferrari di Charles Leclerc e la Renault di Esteban Ocon. Il francese accusa il monegasco via radio.

1’48″485 la Red Bull di Verstappen.

Nuovo errore del Principino, che comunque chiede di stare in pista il più possibile. Nel frattempo il compagno di squadra Vettel sostiene che le gomme non entrano in temperatura.

A 35′ dalla fine Mad Max comanda su Leclerc e Albon. Sesto Vettel.

Testacoda per Carlos Sainz che si salva miracolosamente dalle barriere.

A 15′ dalla fine la pioggia è davvero battente. Sul fronte posizioni è evidente che la Mercedes non abbia voglia di rischiare. Valtteri Bottas è 8°, Lewis Hamilton addirittura ultimo e senza riscontro cronometrico.
A 9′ dalla bandiera Daniil Kvyat ci riprova con l’Alha Tauri. Le condizioni restano comunque complesse, tra spray e difficoltà a stare in traiettoria.
A 5′ dalla chiusura testacoda a ripetizione per Givoniazzi.
Kvyat parla di asfalto come ghiaccio. Venerdì pomeriggio Ham lo aveva definito in modo più colorito. E allora non aveva ancora piovuto.
Quando mancano 3′ è il turno di Lewis che, nonostante le full wet ci rinuncia subito.
L’ultimo run di Raikkonen è davvero a rallentatore. I rischi sono elevati. Il finnico dell’Alfa è 16°.
Bandiera a scacchi! Max Verstappen precede Charles Leclerc ed Alex Albon confermando una Red Bull in forma. Sesto Vettel.

Antonio Giovinazzi (©F1 Twitter)