Le Mans Living Legend, il Museo Porsche continua ad espandersi

Il nostro sguardo alle Porsche mai viste prima continua con un modello in terracotta 1:1 che fa rivivere lo spirito della 550

porsche unseen
(Image by Motor1)

Creata nel 2016, la Le Mans Living Legend è in realtà un omaggio al meno noto modello coupé piuttosto che alla ben più popolare 550 Spyder. Nonostante il tetto rigido, l’auto sportiva è basata sulla Boxster e ha un aspetto “pulito” molto simile alla 904 Living Legend, recentemente svelata.

Sebbene Porsche affermi che lo studio di design è un predecessore della 718 Cayman GT4nel senso più ampio del termine“, le due vetture hanno un aspetto significativamente diverso. La Le Mans Living Legend ha un design meno aggressivo, in parte perché il grande alettone posteriore della GT4 è stato sostituito da uno spoiler a scomparsa elettrica. Guardate più da vicino e noterete che ha un design asimmetrico, poiché le prese d’aria laterali dietro il finestrino si trovano solo sul lato passeggero.

La 550 Coupé a motore centrale di un tempo aveva un piccolo motore a quattro cilindri piatti, mentre la Porsche immaginava il suo equivalente moderno con il “più incredibile otto cilindri“. Non possiamo fare a meno di chiederci se l’azienda si riferisca al V8 da 4,6 litri aspirato naturalmente installato nella 918 Spyder, dove produceva 600 cavalli.

porsche unseen
(Image by Motor1)

I tocchi retrò sono abbastanza evidenti, dal lunotto posteriore diviso al tappo del carburante centrale montato anteriormente. Anche i quattro fari rotondi sono un richiamo visivo alla 550 Coupé, mentre i fanali posteriori sono stati reinterpretati per adattarsi all’attuale tema di design della Porsche con una striscia luminosa a LED. Il singolo terminale di scarico centrale della vettura da corsa degli anni Cinquanta ha lasciato spazio a un doppio assetto, simile a quello della 718 Cayman GT4.

Leggi anche -> BMW 128ti, test del Nurburgring per il modello a trazione anteriore

La Le Mans Living Legend e altri 14 studi di design inediti sono presentati in un nuovo libro intitolato “Porsche Unseen” e saranno esposti al Museo Porsche a partire dal prossimo anno.