Il retroscena di Jenson Button: “Lewis Hamilton ora è cambiato molto”

L’ex pilota di Formula 1 Jenson Button afferma che Lewis Hamilton è migliorato dai tempi in cui erano compagni di squadra alla McLaren

Lewis Hamilton e Jenson Button (Foto Charles Coates/Getty Images)
Lewis Hamilton e Jenson Button (Foto Charles Coates/Getty Images)

“Questo Lewis è diverso da quello che conoscevo”. Bisogna crederci, visto che ad affermarlo è non solo un ex collega di Hamilton, ma per giunta uno che lo ha conosciuto bene, per averci condiviso il box quando sono stati compagni di squadra alla McLaren per ben tre stagioni: Jenson Button.

Secondo l’inglese, l’iridato in carica, oggi ad un passo dalla conquista del suo settimo titolo piloti, ha fatto un notevole salto di qualità dal suo passaggio alla Mercedes. “Quando lo conoscevo, Lewis andava fortissimo in qualifica, come può fare oggi Valtteri”, spiega ai microfoni del podcast di The Collecting Cars. “Ma in gara, anche se era veloce e a volte poteva starti davanti, in molti casi commetteva errori. Cercava di spingere al massimo in ogni giro, distruggeva le gomme, consumava troppo carburante, sceglieva la strategia sbagliata. Ma ora non lo fa più, è un Lewis completamente diverso”.

Lo scontro tra Jenson Button e Lewis Hamilton

Dietro a questo miglioramento di livello di Hamilton, secondo il campione del mondo 2009, c’è anche la mancanza di un avversario al suo livello. “Non ha un Max Verstappen a spingerlo, né un Nico Rosberg. Non metterò il mio nome lì in mezzo perché sarebbe strano”, sorride Button.

All’epoca in cui furono vicini di box alla McLaren, infatti, Jenson è convinto che il confronto tra di loro sia stato piuttosto equilibrato. “Mi batteva in qualifica e vinse più gare di me”, prosegue il britannico. “Ma credo che lui abbia conquistato dieci successi e io otto, quindi siamo arrivati vicini. Per me lui era più veloce di me in qualifica, ma la gara era il mio territorio, sapevo come far funzionare la macchina, le gomme, la strategia, specialmente con il meteo incerto. Perciò adoravo le nostre battaglie. Sono stato davvero triste quando ha lasciato il team. Avrei voluto poter correre contro di lui con una macchina in grado di vincere il Mondiale. Alla McLaren ci toglievamo molte vittorie a vicenda, altrimenti avremmo potuto vincere il titolo, con un compagno di squadra diverso”.

Lewis Hamilton e Jenson Button (Foto Bryn Lennon/Getty Images)
Lewis Hamilton e Jenson Button (Foto Bryn Lennon/Getty Images)