Alex Marquez: “La scia di Andrea Dovizioso mi ha fatto cadere”

Seconda caduta consecutiva per Alex Marquez che rischia di perdere il titolo di ‘rookie of the year’. La sfida si fa avvincente con Brad Binder.

Alex Marquez
Alex Marquez (getty images)

Per Alex Marquez è stato un altro week-end da dimenticare quello di Valencia, con una caduta a quattro giri dal traguardo che gli fa registrare un altro zero. Nonostante il rookie del Repsol Honda Team abbia compiuto un’ottima partenza ed eseguito diversi sorpassi, un errore nel tentativo di sorpassare Andrea Dovizioso alla prima curva lo ha messo ko.

Partito sedicesimo il minore dei fratelli Marquez ha fatto una grande partenza che lo ha proiettato dodicesimo dopo pochi giri. Il pilota della Repsol Honda aveva come obiettivo quello di finire davanti a Brad Binder per accaparrarsi il titolo di best rookie of the year. Quello di Cervera ha lottato per l’ottavo posto con Dovizioso ma nel tentativo di superarlo è finito a terra per la seconda volta consecutiva e ha perso punti preziosi per la classifica. Sono nove i punti che lo distaccano da Binder e in due gare ancora tutto è possibile. “Era chiaro che sarebbe stato difficile per tutti. Sono partito bene, mi sono posizionato abbastanza bene al primo giro essendo aggressivo, controllando tutti i sorpassi che ho fatto. In quel momento mi sentivo abbastanza bene con la moto, ma da metà gara ho iniziato a soffrire soprattutto con il grip posteriore. La gomma anteriore è stata un’ottima scelta perché ci ha permesso di avere una marcia in più”.

Un errore da rookie

Mancavano pochi giri alla bandiera a scacchi, ma stavolta ha compiuto un altro errore da principiante. “Quando Dovizioso mi ha superato, a quel punto in cui sei andato molto veloce a 330km/h, la scia ti assorbe in qualche modo e non ho potuto fare niente. O lo toccavo da dietro o cadevo da solo – ha proseguito Alex Marquez -. Ho cercato di non far succedere nessuna delle due cose ma ho bloccato troppo l’anteriore e sono caduto. Peccato perché la gara è andata bene e il mio obiettivo era quello di entrare nella Top10. Alla fine abbiamo perso punti anche nel Campionato del Mondo Rookies, che è ancora l’obiettivo di fine anno”.

Probabilmente Brad Binder sarebbe finito davanti, ma non avrebbe perso così tanti punti nella sfida come miglior debuttante della MotoGP. Alla fine non può che complimentarsi con Joan Mir, alla sua seconda stagione in classe regina. “Mancava qualcuno che prendesse le redini del campionato, come ha fatto Joan Mir nelle ultime gare. Ho già detto che sapeva che per vincere il Mondiale doveva vincere una gara e ha colto l’occasione. Ha fatto un’ottima gara, ha approfittato di una giornata in cui la Yamaha ha sofferto ancora molto, l’ha fatto alla perfezione. In campionato può accadere, e credo che accadrà, che le due Suzuki finiscano prima e seconda. Significa molto. Penso che abbiano un ottimo pacchetto ed entrambi ne stanno approfittando molto – ha concluso Alex Marquez -. È un pilota con un grande futuro che ha colto l’occasione”.

Alex Marquez
Alex Marquez (getty images)