MXGP, Tim Gajser campione del mondo: “Grazie al team HRC”

Tim Gajser conquista il titolo mondiale MXGP dopo il trionfo in Trentino. Giornata da incorniciare per il campione della HRC.

Tim Gajser

Tim Gajser conquista la vittoria assoluta nella seconda gara MXGP a Pietramurata e si aggiudica il titolo mondiale per il secondo anno consecutivo. Bastava battere Tony Cairoli in Gara-1 o segnare 27 punti in totale per assicurarsi il campionato ed ha centrato pienamente l’obiettivo.

Dopo una brutta partenza il pilota della Honda CRF450RW ha trovato rapidamente il suo ritmo e ha registrato il giro più veloce. A metà gara era al secondo posto e anche se ha provato di tutto per agguantare la testa del gruppo, ma sapeva che il secondo posto sarebbe stato sufficiente per suggellare il suo quarto titolo mondiale. Dopo un anno difficile per l’intero campionato con la pausa di cinque mesi dopo il secondo round, Tim Gajser ha dimostrato ancora una volta di essere il miglior pilota, pur approfittando dell’infortunio di Jeffrey Herlings. Difendere un titolo è sempre una grande sfida, ma Gajser ha continuamente dimostrato di essere il più veloce.

Leggi anche -> MXGP, Tony Cairoli addio mondiale: “L’obiettivo è stare davanti a Seewer”

Ovviamente Tim Gajser voleva celebrare il trionfo mondiale con una vittoria e ci è riuscito nella seconda manche: il pilota Honda ha strappato un altro holeshot prima di involarsi verso il successo. “È incredibile essere campione del mondo per la quarta volta. Vincere una volta è fantastico, ma quattro volte sono semplicemente senza parole. È stata una stagione strana con il COVID-19 e poi la pausa tra il secondo e il terzo round, ma alla fine, tutto si è riunito e abbiamo vinto un altro titolo! Un grande ringraziamento a tutto il Team HRC, ci sono molte persone coinvolte che non hanno potuto essere qui oggi, quindi un grande grazie a tutti loro e a tutti coloro che mi hanno supportato durante tutto l’anno. È un privilegio guidare per questa squadra e apprezzo ogni singola persona che mi ha aiutato. Grazie!”.