Hamilton lascia la Mercedes e la Formula 1? Il parere di Toto Wolff

Lewis Hamilton ha terremotato la Mercedes lasciando intendere la sua intenzione di lasciare la F1. Ma Toto Wolff è ottimista al riguardo

Lewis Hamilton e Toto Wolff dopo il Gran Premio dell'Emilia Romagna di F1 2020 a Imola (Foto Lat Images/Mercedes)
Lewis Hamilton e Toto Wolff dopo il Gran Premio dell’Emilia Romagna di F1 2020 a Imola (Foto Lat Images/Mercedes)

“Non c’è garanzia che io correrò in Formula 1 anche nella prossima stagione”. Questa frase shock di Lewis Hamilton, pronunciata in conferenza stampa dopo il Gran Premio dell’Emilia Romagna ad Imola, ha terremotato il team Mercedes e tutto il paddock. Ma davvero il campione del mondo in carica sta pensando di ritirarsi subito dopo aver ottenuto la certezza matematica del suo settimo titolo, che potrebbe arrivare già nel prossimo Gran Premio in Turchia? Il suo team principal Toto Wolff non la pensa così. Secondo lui, le parole del pilota anglo-caraibico sono state dettate dalle emozioni del momento.

“Non credo che deciderà di uscire dalla Formula 1, e spero che non accada”, ha commentato il manager austriaco. “Ma, in caso contrario, credo che ci aspetti un mercato piloti piuttosto frenetico. Al momento penso che sia solo un fatto di emozioni: siamo tutti contenti, ma anche molto stanchi. Lo stesso vale per me”. Del resto, lo stesso Wolff ha messo in chiaro che probabilmente abbandonerà il suo attuale ruolo di team principal della Freccia nera, e assumerà una nuova posizione meno operativa all’interno della scuderia. In questa decisione, ha fatto intendere, sta pesando anche l’incertezza della crisi coronavirus.

L’incertezza sul futuro di Wolff e Hamilton

“Riesco completamente a mettermi nei suoi panni, quando mette in dubbio se stesso, quando pensa anche a tutte le altre cose che contano, quando pensi a tutte le difficoltà che stiamo affrontando, accendendo le notizie al mattino e spegnendole alla sera”, prosegue Toto. Noi siamo qui nel nostro piccolo posticino felice e cerchiamo di portare dell’intrattenimento nelle case. Ma poi, il giorno dopo, torni in una realtà più difficile. Tutto questo ci condiziona e, da questo punto di vista, per una persona empatica è normale provare questi sentimenti”.

Quello che non è destinato a venire meno è il forte legame tra Hamilton e il capo della sua squadra, uniti anche nell’attuale incertezza sul futuro delle loro carriere. “In un certo senso procediamo insieme, abbiamo una simbiosi”, spiega Wolff. “È importante capire dove si trovano il nostro cuore e la nostra mente per il prossimo anno. Ma ho detto che questo è il mio team. Sono molto orgoglioso di esserne il comproprietario insieme alla Mercedes e non andrò da nessuna parte. Il mio ruolo potrà cambiare nel futuro e questa è una domanda che lui ha posto”.

Il resto è ancora avvolto nel dubbio: “Credo che nulla sia mai al sicuro. Come Niki Lauda negli anni ’70, potresti svegliarti un venerdì o un sabato mattina in pista e capire semplicemente che non ti diverti più come prima. Credo che questo possa succedere a tutti. Ma noi vogliamo continuare questo viaggio, non abbiamo finito: né Lewis né io né tutto il team”.

Leggi anche —> Bomba Lewis Hamilton: “L’anno prossimo potrei non correre più in F1”

Lewis Hamilton e Toto Wolff dopo il Gran Premio dell'Emilia Romagna di F1 2020 a Imola (Foto Lat Images/Mercedes)
Lewis Hamilton e Toto Wolff dopo il Gran Premio dell’Emilia Romagna di F1 2020 a Imola (Foto Lat Images/Mercedes)