MotoGP, Stefan Bradl al lavoro sul nuovo telaio Honda 2021

Stefan Bradl prosegue il duro lavoro di pilota e collaudatore Honda. Si lavora su un nuovo telaio che potrebbe essere definitivo per il 2021.

Stefan Bradl
Stefan Bradl con Santi Hernandez, il capotecnico di Marc Marquez (getty images)

Dopo l’ottavo posto a Le Mans, Stefan Bradl ha pttenuto uno di migliori risultati stagionali a Teruel, tagliando il traguardo in 12esima piazza. Il tester-pilota della Honda inizia a prendere sempre maggior confidenza con il prototipo, sebbene ci sia ancora da migliorare dal punto di vista personale. “Ho commesso qualche errore all’inizio a causa del ritmo frenetico e ho fatto girare un po’ la moto. Poi improvvisamente le cose sono migliorate, ho trovato un buon ritmo. In questa fase iniziale ho perso i contatti con Crutchlow e con i piloti che lo precedevano”.

Purtroppo Honda non ha piazzato nessun pilota nella top-10 per la prima volta dall’inizio del Mondiale, a causa del doppio ko di Taka Nakagami e Alex Marquez. “Ma sono migliorato rispetto al primo GP di Aragón e la moto è tornata ad essere più competitiva. Spero che continui così ”, ha aggiunto Bradl a Speedweek.com. Quasi sicuramente sostituirà Marc Marquez anche a Valencia l’8 e il 15 novembre. Prosegue anche il lavoro di collaudatore per testare alcuni aggiornamenti per il 2021. Prima di Portimao eseguirà inoltre un test a Jerez. “Fino alle FP4 abbiamo confrontato due telai diversi. Venerdì abbiamo provato il nuovo telaio e sabato ne abbiamo nuovamente esaminato i vantaggi e gli svantaggi. Abbiamo testato diverse configurazioni di questo”.

Il nuovo telaio è una versione rinforzata con carbonio, che è stata vista più volte in una forma simile nel 2019. “Sfortunatamente, sono caduto con il mio telaio preferito nelle FP4. Quindi non ho potuto usare questa moto in qualifica. Tuttavia – ha concluso Stefan Bradl -, sono rimasto soddisfatto dei tempi sul giro”.

Stefan Bradl
Stefan Bradl (getty images)