Toni Elias: “Ho lottato con Rossi, ma Beaubier non è inferiore”

Toni Elias spende parole di elogio per Cameron Beaubier, suo rivale in MotoAmerica Superbike e futuro pilota Moto2. Cita anche Valentino Rossi.

Valentino Rossi Toni Elias
Valentino Rossi e Toni Elias a Estoril 2006 (Getty Images)

Nominare Toni Elias a Valentino Rossi non fa rievocare bei ricordi al Dottore. Nel 2006, infatti, lo ha steso alla prima gara a Jerez e poi gli ha tolto la vittoria per pochi millesimi a Estoril.

Punti decisivi che hanno fatto perdere il titolo MotoGP al pilota Yamaha, che comunque era arrivato a Valencia da leader della classifica. Il Mondiale fu poi vinto da Nicky Hayden sulla Honda e il pesarese tornò a conquistare il titolo solo nel 2008, vincendo poi il nono e ultimo nel 2009.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Lockdown in Francia, Poncharal: “Possiamo raggiungere Valencia?”

Elias elogia Beaubier citando Rossi

Elias non si vede nel Motomondiale nel 2015, quando fece le sue ultime apparizioni in MotoGP. Poi si è trasferito nel campionato MotoAmerica Superbike, dove ha corso anche quest’anno e ha ottenuto il titolo nel 2017. Ha gareggiato sempre con la Suzuki, che però lascerà.

Dopo l’ultimo round a Laguna Seca, il pilota spagnolo ha avuto modo di parlare del suo grande rivale Cameron Beaubier, che con la Yamaha ha vinto il titolo 2020 dopo averne conquistati altri quattro in passato. Il pilota americano correrà in Moto2 dall’anno prossimo, una grande chance.

Elias lo ha elogiato: «Ho combattuto con molti piloti forti nel Motomondiali, specialisti in 125, specialisti in 250, specialisti in Moto2, MotoGP, Superbike. Valentino Rossi penso sia stato uno dei ragazzi più duri con cui abbia mai combattuto – riporta MotoAmerica.com – ma Beaubier non è da meno. Penso che lui sia di quel livello, può farcela. Adesso ha l’occasione e credo in lui. Penso possa arrivare in MotoGP perché è abbastanza bravo».

Vedremo come Beaubier se la caverà in Moto2, dove salirà sulla Kalex del team American al posto di Joe Roberts. Dovrà imparare tante cose e dovrà essere bravi ad apprendere quanto prima per poter essere competitivo.