Superbike, Barbabò (Barni Racing): “Serve il budget per il 2021”

Marco Barnabò, team principal Barni Racing, ha parlato del complicato campionato Superbike 2020 e fatto accenno sulle necessità per il 2021.

Marco Barnabò Barni Racing Team Superbike
Marco Barnabò (foto Barni Racing Team)

Il Barni Racing Team viene da due stagioni Superbike decisamente complicate. Dopo essere stata la migliore squadra privata del 2018, sono arrivate due annate al di sotto delle aspettative.

Con la Ducati Panigale V4 R non sono arrivati risultati positivi con nessuno dei piloti che l’hanno guidata. La struttura guidata da Marco Barnabò si è impegnata al massimo, però non è stato sufficiente e l’emergenza Covid-19 non è stata di aiuto. Il futuro è incerto, è importante trovare le risorse economiche per avere un progetto vincente nel Mondiale SBK.

LEGGI ANCHE -> Chaz Davies, ancora una speranza di restare in Ducati Superbike

Barnabò fa il punto sul team Barni

Barnabò, intervistato da Speedweek, ha commentato la situazione complessa affrontata nel 2020: «Un anno difficile. Camier si è infortunato e anche quattro mesi dopo non era pronto. Ci abbiamo provato con Melandri, però non è andata come speravamo. È stato complicato essere competitivi. Siamo riusciti a partecipare a tutti i round e a pagare gli stipendi, ma abbiamo sostenuto costi elevati senza avere risultati».

Attualmente il Barni Racing Team non ha annunciato un pilota per il Mondiale Superbike 2021. Il team principal spiega che vanno messi insieme i soldi per sviluppare il progetto della prossima stagione: «Per fare un buon lavoro è fondamentale disporre di sicurezza finanziaria. Puntiamo a disputare tutto il campionato e vogliamo essere sicuri di potercela fare. Non voglio prendere decisioni affrettate».

Nelle prossime settimane potrebbero esserci novità importanti sulla squadra italiana. Di recente si è parlato del possibile arrivo di Tito Rabat dalla MotoGP, un’operazione che potrebbe garantire delle risorse economiche al team Barni dato che lo spagnolo già nella top class è supportato da partner che finanziano la squadra Reale Avintia. Ma al momento questa è solamente un’ipotesi al vaglio.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> MotoGP, Andrea Dovizioso ha deciso il suo futuro