Binotto dimentica Crozza e annuncia: “Abbiamo capito”

Le novità portate in Portogallo hanno dato qualche frutto, specialmente con Leclerc. Per questo il boss Ferrari Binotto festeggia.

Il team principal della Ferrari, Mattia Binotto (Foto Ferrari)
Il team principal della Ferrari, Mattia Binotto (Foto Ferrari)

Grande show il GP del Portogallo non lo ha regalato e il risultato lo si poteva indovinare già prima del via, ciò malgrado una piccola novità l’ha portata. Qualche cenno di ripresa da parte della Ferrari. Se si è trattato di un fuoco di paglia lo scopriremo a Imola il prossimo fine settimana, intanto è giusto godere. Seppur consapevole di non poter ancora ambire al podio, il team principal del Cavallino Mattia Binotto, alla bandiera a scacchi, ha elogiato la prestazione di Leclerc, quarto all’arrivo, tirando un sospiro di sollievo sia per quanto concerne la risposta della SF1000, sia per il comportamento delle gomme.  Una conferma della posizione ottenuta sabato pomeriggio, sempre da Charles, che ha certamente dato morale alla squadra.

Ottimismo in vista della prossima stagione

Alla luce del feeback avuto dalle evoluzioni aerodinamiche introdotte a Portimao, con un occhio ovviamente al 2021 l’ingegnere non ha nascosto la propria soddisfazione. Certo, difficilmente nel campionato venturo vedremo le rosse insidiare le Mercedes per il successo, ma la top 3 potrebbe e dovrebbe rivelarsi più vicina rispetto ad momento. “La direzione che abbiamo preso riteniamo sia quella corretta”, ha affermato smentendo il suo personaggio in salsa Crozza. “Adesso sappiamo dove andare e spingeremo il più possibile sull’anno prossimo”. Finalmente, dunque, a Maranello hanno capito qualcosa, o questo almeno quanto ha detto il boss, il quale poi ha voluto chiarire che non ci sono differenze tra l’auto del Principino e quella di Vettel, giunto 10°. E qui però ci sorge un dubbio. Davvero la macchina di Sebastian è uguale a quella del compagno nonostante a fine stagione andrà altrove? Le perplessità sono molte e ci fanno pensare che certe parole siano proclamate ad arte per denigrare il tedesco.

(©Ferrari Twitter)

Chiara Rainis