Impazza il mercato piloti F1: dove finiranno Schumacher, Perez e gli altri

Mick Schumacher verso la Haas, Sergio Perez ed Esteban Ocon alla Williams, Pierre Gasly alla Renault e Hulkenberg alla Red Bull: i rumours

Mick Schumacher (Foto Peter Fox/Getty Images)
Mick Schumacher (Foto Peter Fox/Getty Images)

Nemmeno il mercato piloti della Formula 1 è rimasto esente dalla rivoluzione del coronavirus. Tanto che, anche ora che siamo arrivati alla seconda metà di ottobre, di piloti ancora disponibili sul mercato ce ne sono ancora molti, di sedili da riempire almeno altrettanti e dunque i colpi di scena sono pronti ad arrivare già nelle prossime settimane.

I più interessanti riguardano Mick Schumacher, che veniva dato per certo alla Alfa Romeo, mentre ora sembra destinato ad essere dirottato alla Haas. Al Biscione, dunque, al fianco di Kimi Raikkonen potrebbe essere riconfermato il nostro Antonio Giovinazzi, mentre il figlio d’arte tedesco sarebbe un nome pesante che la Ferrari è pronta a mettere sul piatto della squadra americana, scontenta della competitività dei motori di Maranello in questa stagione.

Leggi anche —> In fuga dalla Ferrari: ecco il team che vuole mollare i motori di Maranello

Ma la Haas è in trattativa anche con l’oligarca russo Dmitry Mazepin, pronto a investire pesantemente i rubli della sua multinazionale farmaceutica nel team in cambio dell’ingaggio di un pilota russo: suo figlio Nikita Mazepin oppure Robert Shwartzman, altro allievo della Ferrari Driver Academy. Segno che entrambi gli attuali portacolori della “ferrarina” statunitense, Kevin Magnussen e Romain Grosjean, sarebbero destinati ad uscire di scena.

Perez e Ocon alla Williams, Gasly alla Renault?

Così come rischia di fare George Russell alla Williams, spinto fuori da un pilota esperto come Sergio Perez che potrebbe portare ai nuovi proprietari della squadra inglese, il fondo d’investimento Dorilton Capital, non solo un talento fuori discussione, ma anche una ricca valigia di sponsor messicani. Traballa molto pure il posto del suo compagno di squadra Nicholas Latifi, che potrebbe essere rimpiazzato da Esteban Ocon.

Il francese, infatti, non sarebbe più nelle grazie della Renault, che gli preferirebbe invece Pierre Gasly, diventato un idolo in Francia grazie alla vittoria nel Gran Premio di Monza. La Red Bull, dal canto suo, sarebbe ben contenta di cedergli il giovane transalpino, in cambio di un accordo per la fornitura dei motori dal 2022, quando la sua attuale motorista Honda abbandonerà il Mondiale.

E, a proposito di Red Bull, Alex Albon, pur sostenuto dalla potente famiglia finlandese che è comproprietaria del colosso delle bibite energetiche, rimane nel mirino, soprattutto perché al suo posto c’è la possibilità di ingaggiare un pilota interessante come Nico Hulkenberg. Per la Alpha Tauri, nel caso dell’addio di Gasly verso la Renault, a sostituirlo sarebbe il giapponese Yuki Tsunoda, già nel vivaio delle Lattine. Insomma, un bel mosaico, che attende solo di piazzare ogni tessera al suo posto nei giorni e nelle settimane che verranno.

Sergio Perez (Foto XPB - Pool/Getty Images)
Sergio Perez (Foto XPB – Pool/Getty Images)