Ecco il nome inaspettato: spunta un altro candidato inedito per la Red Bull

Secondo l’esperto giornalista inglese Matt Bishop, anche Kevin Magnussen sarebbe in lizza per sostituire Alex Albon alla Red Bull

La Red Bull di Max Verstappen in pista al Gran Premio dell'Eifel di F1 2020 al Nurburgring (Foto Ina Fassbender - Pool/Getty Images)
La Red Bull di Max Verstappen in pista al Gran Premio dell’Eifel di F1 2020 al Nurburgring (Foto Ina Fassbender – Pool/Getty Images)

Fuori dalle porte del quartier generale di Milton Keynes si sta formando la fila, almeno metaforicamente. Il sedile di Alex Albon, tritato dal suo compagno di squadra Max Verstappen, è sempre più in bilico, e i candidati a prendere il suo posto nel 2021 non sono pochi. Il plenipotenziario della Red Bull, Helmut Marko, ha fatto esplicitamente i nomi di Nico Hulkenberg e Sergio Perez come osservati speciali. Ma in corsa ci sarebbe anche un terzo contendente, tirato in ballo stavolta da Matt Bishop, un esperto giornalista automobilistico ed ex direttore delle comunicazioni della McLaren.

Si tratta di Kevin Magnussen. “Secondo me Max e Kev formerebbero una coppia brillante”, ha sostenuto ai microfoni dell’agenzia di stampa specializzata Gmm. “Due piloti molto esperti ma ancora giovani, prodigiosamente veloci ma tremendamente esuberanti, estremamente ambiziosi ed enormemente capaci, che avrebbero un rapporto onesto e potrebbero vincere i Gran Premi in ogni occasione in cui le Mercedes dovessero fallire, per qualsiasi motivo”.

Kevin Magnussen in corsa per la Red Bull?

Non è chiaro quanto seriamente i vertici delle Lattine stiano prendendo in considerazione il danese: “Non ho assolutamente alcuna conoscenza dall’interno rispetto al pensiero attuale di Helmut e Christian (Horner, il team principal, ndr)”, prosegue Bishop, “ma si dice che potrebbero voler fare un cambiamento”.

E Magnussen, attualmente frenato da una Haas “troppo lenta”, sempre per usare le parole del giornalista inglese, avrebbe veramente i numeri per essere l’uomo giusto. “Alla Renault e alla Haas, pur avendo sempre battuto i suoi compagni di squadra, non ha avuto le macchine per mostrare il suo talento sensazionale”, prosegue Matt. “Che è sempre lì in attesa di essere sfoderato”.

L’unico punto debole di una coppia VerstappenMagnussen potrebbe essere la rivalità interna tra loro e i propri genitori d’arte. “Andrebbero sempre d’accordo? E chi se ne frega”, conclude Bishop. “Di tanto in tanto è un bene che i piloti si arruffino le piume. E anche lo spettacolo collaterale dei loro padri, ex piloti di Formula 1, che si scontrerebbero nel paddock sarebbe divertente”.

Leggi anche —> Hulkenberg verso la Red Bull: “Posso reggere il confronto con Verstappen”

Kevin Magnussen (Foto XPB - Pool/Getty Images)
Kevin Magnussen (Foto XPB – Pool/Getty Images)