Valentino Rossi insostituibile: la Yamaha decide di non rimpiazzarlo

La Yamaha di Valentino Rossi, contagiato dal coronavirus, rimarrà ai box fino al suo ritorno: non sarà nominato alcun supplente

Le Yamaha di Valentino Rossi vuote al box di Aragon (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Le Yamaha di Valentino Rossi vuote al box di Aragon (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)

La Yamaha ha deciso: la M1 di Valentino Rossi rimarrà vuota anche nel Gran Premio di Teruel, il secondo appuntamento della MotoGP in programma sul circuito di Aragon, previsto già tra una settimana.

La presenza del Dottore è infatti da escludere: la sua positività al coronavirus è stata registrata infatti solamente giovedì e, stando alle regole previste dal governo italiano, i contagiati devono osservare un periodo di quarantena almeno di dieci giorni. Non ci sarebbero proprio i tempi tecnici, dunque, per prendere l’aereo e recarsi in Spagna entro cinque giorni, così da poter scendere in pista per le prime prove libere.

Jorge Lorenzo non convince

La Casa dei Diapason ha cercato un sostituto per poter schierare entrambe le sue moto in quell’occasione, valutando ad esempio uno dei suoi piloti di Superbike, come l’ex MotoGP Loris Baz, Toprak Razgatlioglu o Michael van der Mark. Ma ovviamente la prima scelta, almeno sulla carta, doveva essere quella di Jorge Lorenzo, il supercollaudatore del marchio di Iwata.

Eppure il tanto atteso rientro in pista del cinque volte campione del mondo non avverrà. Colpa del suo scarso allenamento alle due ruote, visto che quest’anno è sceso in pista per soli quattro giorni (a febbraio a Sepang e la scorsa settimana a Portimao), per giunta in sella alla moto dell’anno passato. Ma anche dei risultati decisamente deludenti ottenuti in quelle occasioni: nella sua ultima uscita ha accumulato oltre 2.5 secondi di ritardo dal miglior tempo.

Valentino Rossi torna a novembre

Dunque, anche nel prossimo weekend di gara sarà Maverick Vinales l’unico a difendere i colori blu della squadra ufficiale Yamaha. Il costruttore giapponese ha spiegato la sua decisione con la volontà di non aggiungere ulteriore pressione sul suo staff, già presente in numero ridotto per via delle norme di sicurezza introdotte in questa stagione. Quanto a Valentino Rossi, potremmo rivederlo al Gran Premio d’Europa, a Valencia, a novembre.

Leggi anche —> Valentino Rossi parla dalla quarantena: “Sono ancora nervoso”

Jorge Lorenzo sulla Yamaha nei test MotoGP di Portimao (Foto Dorna)
Jorge Lorenzo sulla Yamaha nei test MotoGP di Portimao (Foto Dorna)