Johann Zarco su Pramac: “Non è la moto ufficiale, ma sarà competitiva”

Johann Zarco arriva al GP di Francia ad una settimana dal rinnovo di contratto con Ducati. Nel 2021 vestirà livrea Pramac, adesso la mente è rivolta alla conquista di altri podi.

Johann Zarco
Johann Zarco a Misano (getty images)

Johann Zarco approda al Gran Premio di casa a Le Mans con un nuovo contratto ufficializzato la settimana scorsa. l pilota di Cannes passerà in Pramac Racing dopo una stagione con Avintia. A sua disposizione una Desmosedici con specifiche ufficiali come promesso dai vertici Ducati al momento della firma del suo primo contratto. Il francese si è guadagnato in pista la firma del rinnovo e dell’ascesa nel team satellite e adesso punta a chiudere questa stagione con dei buoni risultati.

Johann ha ammesso che la prima sfida di avere una moto per il prossimo anno è stata vinta. Ha perso il ballottaggio con Pecco Bagnaia, ma potrà giocarsela quasi alla pari con i piloti ufficiali. “Voglio prepararmi meglio per il prossimo anno, quando avrò una moto in grado di vincere i GP”, riporta GP-Inside.com. “Anche ad Avintia c’è un grande supporto da parte della Ducati. So che la Pramac non è la squadra ufficiale, ma la moto è altrettanto competitiva e Dall’Igna ci sarà forse ancora più vicino. Questo è positivo perché è un pilastro in Ducati. Anche il fatto di poter avere i miei tecnici Ducati la prossima stagione. La Ducati può controllare tre squadre e questo ci permette di mantenere un buon gruppo per il futuro”.

Questa settimana Johann Zarco corre a casa, un appuntamento speciale per il transalpino anche se non potrà contare sulle tribune piene di fan. C’è sempre un’emozione speciale, un plus, perché il pubblico sostiene i francesi più che altrove. Quest’anno ci sarà meno quella sensazione. Ci sarà ulteriore pressione, la motivazione per farlo bene. Anche se quest’anno c’è meno pubblico, in termini di organizzazione ci sono elementi che ti faranno sentire che è il GP di Francia”.

Johann Zarco (getty images)