Valentino Rossi spiega i piani della VR46: “In MotoGP? Forse nel 2022”

Valentino Rossi ha già in mente i prossimi passi da fare con la VR46. Il Dottore vuole proseguire con la Yamaha anche con il proprio team.

Lin Jarvis e Valentino Rossi (Getty Images)
Lin Jarvis e Valentino Rossi (Getty Images)

Valentino Rossi sta vivendo gli ultimi scampoli di una carriera stellare, ma intanto programma già il proprio futuro e quello che farà una volta che sarà un pensionato di lusso. Il Dottore, infatti, già da diversi anni ha messo in piedi un’Academy dove alleva giovani rider che poi accompagna nel Motomondiale grazie al suo team presente in Moto2 e Moto3.

Le grandi soddisfazioni raccolte dal VR46 in questi ultimi anni hanno spesso spinto Valentino a pensare all’ipotesi di costruire qualcosa anche in MotoGP. Un discorso però che sin qui è stato spesso rinviato a quando il Dottore appenderà definitivamente il casco al chiodo.

Valentino Rossi: “Ho già parlato con Jarvis”

Come riportato da “Crash.net”, Valentino Rossi, parlando dell’argomento ha così affermato: “Per ora è un po’ presto, ma alla fine del 2021 la MotoGP cambierà per il 2022 e forse potremo avere un’occasione per fare un team VR46 in MotoGP, ma è davvero presto. Non è facile perché l’organizzazione e le dimensioni della squadra sono buone per Moto3 e Moto2, ma per la MotoGP è un grande passo e sinceramente non lo so”.

Il #46 ha poi proseguito: “Per quanto riguarda le moto perché no la Yamaha? Abbiamo già parlato con Jarvis, ma prima dobbiamo decidere se fare una squadra o continuare in Moto3 e Moto2“. Insomma a quanto pare l’idea di Vale sembra essere comunque quella di aspettare ancora un po’ e soprattutto di provare a continuare questo sodalizio con Yamaha anche dopo il proprio ritiro grazie al suo team. Nei giorni scorsi per il VR46 si era parlato anche di Ducati, a questo punto non ci resta che aspettare.

Antonio Russo

Valentino Rossi (Getty Images)
Valentino Rossi (Getty Images)