Mick Schumacher ritorna sulla Ferrari F1 a Fiorano (FOTOGALLERY)

Mick Schumacher è sceso oggi in pista nel test sulla Ferrari di Formula 1 a Fiorano insieme a Callum Ilott e Robert Shwartzman

Mick Schumacher sulla Ferrari di F1 a Fiorano (Foto Ferrari)
Mick Schumacher sulla Ferrari di F1 a Fiorano (Foto Ferrari)

Un’altra giornata su una monoposto di Formula 1. Mick Schumacher ha avuto l’opportunità di guidare la Ferrari SF71H del 2018 nel pomeriggio di oggi, mercoledì, sulla pista privata di Fiorano, nell’ambito di un test allestito dal Cavallino rampante per i giovani della sua Driver Academy. Per il figlio d’arte tedesco si è trattato del ritorno su una Rossa, che già aveva avuto modo di provare l’anno scorso in Bahrein, e di una preparazione in vista delle prove libere del Gran Premio del Nurburgring che disputerà il prossimo 9 ottobre sulla Alfa Romeo.

“Ringrazio la Ferrari e la Fda per avermi dato l’opportunità di rimettermi al volante di una vettura di Formula 1 ibrida a pochi giorni dal mio esordio in un weekend di Gran Premio al Nürburgring“, ha commentato Schumi Junior. “È stato molto utile riprendere confidenza con le procedure, discretamente complesse, e anche con l’operatività di una squadra della massima categoria. Qualche settimana fa al Mugello ho avuto la chance di guidare una F2004, una vettura straordinaria ma ormai non più recente. Mettermi al volante di una monoposto ibrida del 2018 mi ha permesso di apprezzare quanto sia rilevante l’apporto della parte elettrica della power unit e quanto sia progredita dal punto di vista aerodinamico la Formula 1. Non vedo l’ora di calarmi in abitacolo in Germania, sarà bello poter fare il mio debutto ufficiale nella massima categoria davanti ai miei tifosi. Nel team troverò anche qualche meccanico che ha lavorato con mio padre e questo renderà quella giornata ancora più speciale”.

Insieme a lui si sono avvicendati in macchina i suoi colleghi del vivaio rosso Robert Shwartzman, al debutto assoluto su una Formula 1, e Callum Ilott, suoi diretti rivali nel campionato di Formula 2 dove attualmente Schumacher comanda la classifica.

“Sono molto soddisfatto di questa giornata”, sintetizza il responsabile tecnico della Ferrari Driver Academy, Marco Matassa. “Ringrazio il team di gara della Scuderia Ferrari che ci ha assistito, perché in una stagione di campionato così intensa non si è tirato indietro di fronte a uno sforzo banale come cambiare per due volte in un giorno la configurazione della vettura e assistere tre piloti giovani nell’approccio a una vettura complessa come una monoposto di Formula 1 ibrida. Per quanto riguarda il piano tecnico sono contento di come Mick, Callum e Robert si siano adattati rapidamente alla SF71H. Per due di loro non si trattava della prima volta su una Formula 1, ma non era comunque facile passare dallo stile di guida necessario a pilotare un’auto di Formula 2 a quello più adatto a una Formula 1, dotata di più potenza, di un impianto frenante incredibilmente più avanzato e di un power steering sul volante che premia sensibilità e precisione di guida. Invece sono stati rapidi e hanno iniziato subito a girare con un ottimo passo. Sono convinto che i giri effettuati oggi saranno molto utili a Mick e Callum in previsione del loro esordio in Formula 1 al venerdì del Nurburgring. Dal punto di vista umano, di questo test mi porto nel cuore i tre ragazzi con la tuta rossa davanti alla loro Ferrari, in posa per la foto di gruppo, e l’emozione di Robert che ha debuttato oggi al volante di una vettura di Formula 1, un momento che per ogni pilota rimane indimenticabile”.

Leggi anche —> Mick Schumacher, decisa la data del debutto in un GP di Formula 1

Mick Schumacher, Callum Ilott e Robert Shwartzman a Fiorano (Foto Ferrari)
Mick Schumacher, Callum Ilott e Robert Shwartzman a Fiorano (Foto Ferrari)