Dacia: nuovo look e più tecnologia per Sandero e Logan

Dacia ha mostrato finalmente le versioni aggiornate della Sandero e della Logan in nuovo look interno ed esterno e con nuovi aggiornamenti tecnologici per la sicurezza

dacia sandero logan
(Image by Motor1)

Dopo un’anteprima all’inizio del mese, sono finalmente arrivate le Dacia Sandero e Logan di nuova generazione. La Sandero Stepway si unisce al gruppo con un’altezza da terra rialzata per soddisfare l’attuale voglia di crossover. Si tratta di auto completamente nuove, dato che il marchio rumeno non solo ha cambiato la piattaforma, ma è anche riuscito a eliminare l’atmosfera a basso costo dei vecchi modelli adottando un design completamente moderno.

Il trio è passato alla piattaforma CMF utilizzata dall’ultima Renault Clio, sbloccando una grande varietà di caratteristiche di comfort e sicurezza. Prendiamo ad esempio il servosterzo elettrico e i fari a LED, che aumentano la lunghezza del fascio luminoso del 37% e la larghezza del 9% rispetto ai fari alogeni utilizzati dai modelli della precedente generazione. Altri esempi rilevanti sono l’assistenza per la frenata d’emergenza, l’avviso di punti ciechi, l’assistenza al parcheggio (con sensori anteriori e posteriori, telecamera retrovisiva) e persino l’assistenza all’avviamento in salita.

dacia sandero logan
(Image by Motor1)

Per quanto riguarda i motori, molti saranno sorpresi di sentire che il motore turbodiesel è stato rimosso dalla gamma. Abbandonato il collaudato dCi da 1,5 litri, i nuovi modelli Dacia saranno disponibili esclusivamente con motori a tre cilindri. Quello entry-level sarà un 1.0 litri aspirato naturalmente con una potenza di 65 cavalli e un cambio manuale a cinque marce, ma solo per i normali Sandero e Logan. Il robusto Sandero Stepway non sarà venduto con questo propulsore di base.

Leggi anche -> Toyota Supra, nuovo motore testato al Nurburgring? – VIDEO

Il prossimo è un turbo da 0,9 litri con 90 CV e la scelta tra un manuale a sei velocità o un cambio a variazione continua. Poi c’è un TCe più potente con 100 CV e un cambio manuale a sei velocità. È interessante notare che il più robusto dei tre è in realtà un motore bicarburante in quanto può funzionare a GPL. Il serbatoio da 50 litri si trova dove normalmente si trova la ruota di scorta, e corroborato con il serbatoio della benzina da 50 litri, un Sandero può viaggiare per più di 1.300 chilometri. Anche la versione a GPL è più pulita, con una media dell’11% in meno di emissioni di CO2 rispetto al modello equivalente TCe.

Ulteriori riduzioni del consumo di carburante e delle emissioni sono il sistema stop/start per tutti e tre i propulsori e il già citato CVT. Quest’ultimo è un miglioramento rispetto al vecchio manuale automatizzato Easy R e porta cambi marcia più fluidi e una migliore accelerazione, secondo Dacia.