Valentino Rossi, caduta con rimpianti in Catalogna: “Potevo vincere”

Tanto dispiacere per Valentino Rossi a causa della caduta in gara a Montmelò mentre era dietro Fabio Quartararo. Poteva sicuramente salire sul podio oggi.

Valentino Rossi MotoGP
Valentino Rossi (Getty Images)

Valentino Rossi rammaricato per la caduta che gli ha impedito di salire sul podio MotoGP a Montmelò. Era secondo a poca distanza da Fabio Quartararo quando è scivolato in curva 2 e forse poteva pensare anche di vincere.

Non sappiamo come sarebbe finita, però il Dottore oggi era competitivo e stava confermando il buon livello di competitività visto tra prove libere e qualifiche. Il podio era assolutamente alla portata, invece è arrivato un deludente ritiro. La troppa voglia di vincere lo ha tradito in un momento cruciale della corsa.

MotoGP Catalogna, Valentino Rossi deluso

Rossi, intervistato da Sky Sport MotoGP, ha manifestato il proprio dispiacere per come è andata oggi a Montmelò: «Che peccato, in questo fine settimana ero stato veloce già dal venerdì e avevamo migliorato ancora la moto poi. Il mio obiettivo era il podio. Volevo restare il più vicino possibile a Quartararo, ma forse ho spinto troppo con queste temperature basse, soprattutto in curva 2 che è molto pericolosa. Chissà come sarebbe andata a finire, forse avrei potuto provare anche a vincere».

Valentino probabilmente ha spinto un po’ troppo in un momento nel quale non era indicato farlo, considerando la condizione delle gomme: «Mi trovavo bene con la moto e volevo arrivare davanti, avrei potuto anche vincere, sicuramente sarei arrivato sul podio. Purtroppo sono entrato molto forte in quella curva e la temperatura della gomma era bassa, mi sono fatto ingolosire perché volevo restare vicino a Quartararo. Pensavo pure che potessero raggiungerci le moto che spesso vanno forte nei finali di gara, come Suzuki e Ducati».

Difficile per il 41enne pilota Yamaha poter pensare al titolo con 50 punti di ritardo da Fabio Quartararo. Tuttavia, non si arrende completamente: «Fino a quando l’aritmetica non lo impedisce, non è finita. Però ho già tre zeri nel campionato 2020. Ho commesso due errori consecutivi per due ‘cappelle’ mie. E quelle pesano in un campionato così corto. È complicato, ma ci sono comunque ancora diverse gare da correre ancora».