Aleix Espargarò deluso: “Non voglio lottare per queste posizioni”

Aprilia mette a referto un altro week-end difficile in Catalunya, ma Aleix Espargarò riesce a chiudere in zona punti. Solo 16° Bradley Smith.

Aleix Espargarò (getty images)

Aprilia riesce a chiudere il GP di Catalunya raccogliendo 4 punti in virtù del 12° posto di Aleix Espargarò, al termine di una gara molto impegnativa e su un tracciato che negli anni recenti non gli aveva riservato grandi soddisfazioni. Bradley Smith, dopo una buona partenza, ha lottato a ridosso della zona punti ma alla fine non ce l’ha fatta per un soffio, ostacolato anche da cadute altrui.

Aleix si è reso protagonista di una buona partenza che gli ha permesso di guadagnare posizioni subito dopo lo spegnimento dei semafori. Dodicesimo al traguardo è arrivato a 15 secondi dal vincitore. “Le condizioni di questa pista non sono certo le migliori per noi, ed anche oggi abbiamo faticato. La mancanza di grip mi ha impedito di essere incisivo, riuscivo a tenere il contatto con gli altri piloti ma non a superarli. Era importante disputare tutta la gara per dare agli ingegneri la maggiore quantità possibile di dati, ma queste non sono certo le posizioni per le quali mi piace lottare”.

Bradley Smith ha dovuto fare i conti con Iker Lecuona, Tito Rabat e Stefan Bradl. Sul finale si è dovuto arrendere all’usura della gomma posteriore che gli ha impedito di entrare in zona punti. “Sapevamo che questo sarebbe stato un circuito complicato per noi, perchè esalta un nostro punto debole ovvero la trazione in uscita di curva. L’aspetto positivo è che ho lottato contro buoni piloti con buone moto e, in alcuni momenti, sono riuscito a anche a superarli. Abbiamo la fortuna di rimanere qui per una giornata di test e potremo concentrarci sul grip, magari riuscendo a trovare qualche soluzione che ci possa aiutare nelle prossime piste”.

Bradley Smith (getty images)