Lin Jarvis: “Valentino Rossi non poteva chiudere senza fan”

Lin Jarvis ringrazia Petronas SRT per aver accolto Valentino Rossi e spera che insieme riusciranno a raccogliere risultati prestigiosi.

Il team principal della Yamaha, Lin Jarvis (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Il team principal della Yamaha, Lin Jarvis (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Il giorno dell’annuncio ufficiale di Valentino Rossi e Yamaha Petronas SRT è finalmente arrivato. In Catalunya si sono riuniti Razlan Razali, Lin Jarvis e Valentino Rossi nel motorhome Yamaha per mettere finalmente la firma sul nuovo contratto annuale. Dopo un lungo tira e molla si chiude la trattativa che proseguiva sin da gennaio e che a tratti sembrava sul punto di fallire.

Invece il Dottore proseguirà anche nel 2021 e, a seconda dei risultati, ci sarà anche la possibilità di proseguire nel 2022. La carriera del campione di Tavullia non poteva chiudersi dopo una stagione senza spettatori e con un calendario ridotto all’osso. “Siamo felicissimi che Valentino rimanga in MotoGP per un altro anno e siamo sicuri che i fan di questo sport la pensino allo stesso modo – ha dichiarato il Managing Director Lin Jarvis -. Una parte sostanziale dei della MotoGP sarà cresciuta con Valentino e continuerà a farlo per tutta la sua carriera. Questa stagione in corso e ultima con il team ufficiale Yamaha è la sua 25esima nel Motomondiale e la sua quindicesima con la Yamaha”.

Rossi chiude in un team satellite

Il team factory ha preferito affiancare Fabio Quartararo a Maverick Vinales nel prossimo biennio, ma ha da sempre garantito una moto ufficiale a Valentino Rossi e un posto nel team Petronas SRT. “Questa stagione MotoGP, influenzata dal Covid-19, non sarebbe l’anno adatto per un pilota così leggendario per chiudere la sua carriera. Valentino è sempre stato molto popolare tra i fan di tutto il mondo, quindi è fantastico che abbia deciso di continuare per almeno un’altra stagione. Speriamo che i fan possano tornare sulle piste il prossimo anno per vederlo di nuovo in azione”.

Lin Jarvis ringrazia il team Petronas per aver aperto le porte al veterano, sebbene l’obiettivo della squadra malese sia quella di lanciare giovani campioni. “Sono ancora una squadra piuttosto “giovane”, ma sono contendenti molto professionali e seri per le vittorie in gara e per la posizione in cima alla classifica del campionato, quindi siamo fiduciosi che Valentino si sentirà a suo agio e sarà in grado di esibirsi al suo livello migliore”.

Il team principal della Yamaha, Lin Jarvis (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Il team principal della Yamaha, Lin Jarvis (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)