BMW M1000RR, il marchio M di BMW sbarca nelle motociclette

Dopo il successo decennale del marchio M sulle auto da parte di BMW, la casa bavarese ha pensato di trasportare la potenza e l’originalità del marchio anche nelle sue moto 

bmw moto m
(Image by Motor1)

Se ti piacciono le auto tanto quanto le moto, è probabile che ad un certo punto della tua carriera di appassionato, hai sognato di possedere una BMW M di qualche tipo. Qualsiasi numero sia seguito dalla M, il distintivo tricolore è diventato sinonimo di prestazioni, brivido ed emozione al volante.

Per alcuni anni, BMW ha tentato di costruire qualcosa di simile nella sua linea di moto con il marchio HP4 senza altrettanto successo. Qual è stata l’unica cosa logica da fare a quel punto? Utilizzare la collaudata formula M e applicarla anche alle moto. Un trio di marchi a marchio M è apparso in Europa nel settembre del 2019, e il primo della lista ha ora fatto il suo debutto ufficiale.

Leggi anche -> Acura RDX PMC Edition, una ventata d’aria fresca in edizione speciale

BMW Motorrad ha introdotto la nuovissima M 1000 RR pronta per la pista. Anche se la Casa di Monaco di Baviera aveva precedentemente rilasciato il pacchetto di prestazioni M che includeva accessori per migliorare la maneggevolezza del modello, la M RR diventa la prima moto della gamma a ricevere il trattamento M adeguato.

bmw moto m
(Image by Motor1)

Nella sua forma M, la quattro cilindri in linea è ottimizzata per sfornare 212 cavalli a 14.500 giri/min. dal modello “base” S che produce 205 cavalli a 13.000 giri/min. Anche la linea rossa de; tachimetro è stata spinta fino a 15.100 giri al minuto. Le modifiche ai componenti interni comprendono nuovi pistoni forgiati a due anelli, bracci più sottili e leggeri, bocche di aspirazione lavorate con una nuova geometria del condotto, valvole in titanio, così come un sistema di aspirazione ottimizzato con imbuti di aspirazione più corti.