Alonso di nuovo ad Enstone: “Ecco perché ho deciso di tornare in F1”

Il suo rientro in F1 dopo due stagioni di pausa ha fatto molto discutere e ha sollevato polemiche. Ora Alonso spiega perché è tornato.

E’ chiaro che dopo i cinque anni fallimentari in Ferrari, dove il titolo lo mondiale lo ha soltanto sfiorato, e i successivi quattro, altrettanto tribolati, trascorsi in McLaren, un primo della classe come Fernando Alonso non poteva accettare di uscire di scena da perdente. Per questo sbollita la rabbia per gli insuccessi e le delusioni, ha deciso di giocarsi una carta importante, o se preferite, di prendere al volo un treno chiamato Renault che, complice l’effetto domino scatenato dalla cacciata di Vettel dalla Rossa, gli stava offrendo un sedile per il 2021.

Tornato nel quartier generale di Enstone nel pomeriggio di lunedì, il Samurai, al di là dell’esprimere gratitudine ed euforia, ha rivelato i motivi che lo hanno spinto ad accettare la sfida proposta dal team ango-francese.

“Conosco ogni angolo di questo posto. Ogni corridoio, ogni porta”, ha affermato parlando con i dipendenti della fabbrica secondo quanto riportato dal quotidiano sportivo spagnolo Marca. “Quando ho lasciato la F1 i miei amici mi hanno detto che finalmente avrei potuto fare ciò che volevo, in realtà quello che amo fare è gareggiare, ecco perché ho scelto di riprendere l’attività”.

Come suggerito da qualcuno l’età è solo un numero, e in effetti se ci riferiamo alla fame e all’ambizione del due volte iridato, beh, di certo non è secondo a nessuno, altrimenti nel tempo avuto a disposizione avrebbe potuto passare da una vacanza all’altra ed invece si è immerso in modi automobilistici fuori dalla sua zona di confort come l’endurance, le corse americane e i rally radi.

“Mi piacciono troppo le competizioni per smettere. Anche se non mi spaventa scoprire cosa c’è dall’altra parte, non mi sento ancora pronto. Ho bisogno di un volante tra le mani ogni 15 giorni”, la sua dichiarazione d’amore finale.

La Renault di Fernando Alonso in pista nelle prove libere del Gran Premio d'Italia di F1 2020 a Monza (Foto Rudy Carezzevoli/Getty Images)
La Renault di Fernando Alonso in pista nelle prove libere del Gran Premio d’Italia di F1 2020 a Monza (Foto Rudy Carezzevoli/Getty Images)

Chiara Rainis