Massa punge Vettel: “La Ferrari ha fatto bene a licenziarlo”

L’ex ferrarista Massa non risparmia battute al fiele nei confronti di Vettel e appoggia il Cavallino per averlo mandato via.

Sebastian Vettel (©Getty Images)

Chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato. Questo per Felipe Massa è il senso della clamorosa e brutale cacciata di Sebastian Vettel nel bel mezzo del lockdown operata dalla scuderia di Maranello.

Affranto per i risultati mediocri portati a casa dalla squadra italiana, in cui ha militato dal 2006 al 2013, il brasiliano ha dichiarato di aver apprezzato e compreso la scelta, piuttosto contestata, del team principal Mattia Binotto.

“Il tempo di Seb è passato e quanto sta facendo quest’anno è la prova che la Ferrari ha fatto bene a non rinnovargli il contratto”, ha sostenuto a Rede Globo.”Carlos Sainz è un ottimo pilota, è giovane e ha margini di crescita. Certo ovviamente dovrà disporre di un’auto competitiva per poter vincere”.

Per riuscire nell’intento di riportare la Rossa nelle prime posizioni, l’iberico, e più di lui il cocco “di famiglia” Charles Leclerc, dovranno tuttavia capire come fermare Hamilton e il suo strapotere, spesso rafforzato da una buona dose di fortuna che, come si dice, non manca mai agli audaci.

“Anche in questo 2020 Lewis sta dominando il campionato. Lui gioca con gli altri piloti e fa un lavoro eccezionale. Considerato il suo valore si merita i riconoscimenti che sta ottenendo”, ha proseguito il paulista. E come dargli torto. Basta guardare ciò che è in grado di fare con il compagno Bottas, ridotto a secondo dell’equipe sotto tutti i punti di vista. A proposito invece del modo in cui ultimamente l’inglese sta portando avanti battaglie sociali, anche all’interno dello stesso paddock, il 39enne ha asserito: “Sta cercando di portare all’attenzione dei temi dentro e fuori le piste. Abbiamo sempre qualcosa da imparare dagli altri, di conseguenza se ciò che sta facendo è per il bene del prossimo ha il massimo rispetto da parte mia”.

Felipe Massa (©Getty Images)

Chiara Rainis