Al Gran Premio di San Marino arriva il primo ritiro della stagione per Fabio Quartararo, che perde il comando della classifica del Mondiale MotoGP

Fabio Quartararo sulla Petronas Yamaha nel Gran Premio di San Marino di MotoGP 2020 a Misano (Foto Dorna)
Fabio Quartararo sulla Petronas Yamaha nel Gran Premio di San Marino di MotoGP 2020 a Misano (Foto Dorna)

“Troppi errori da parte mia”. Forse Fabio Quartararo ha iniziato ad avvertire sulle sue spalle la pressione della lotta per il campionato di MotoGP 2020. E, al Gran Premio di San Marino, l’ha pagata cara: mentre il suo compagno di squadra Franco Morbidelli dominava la gara dall’inizio alla fine, il Diablo è caduto per due volte in diciotto giri.

“Prima di tutto non sono partito bene, mi sono toccato con Jack (Miller, ndr) all’inizio”, ha raccontato Quartararo. “Poi, quando ero dietro a Maverick (Vinales, ndr), mi sono detto: ‘Potrei girare mezzo secondo più veloce’. Momenti come quelli sono duri, frustranti, perché non riesci a superare il tuo avversario, sei come bloccato”.

Le due cadute di Quartararo

Ma è stato quando Fabio è riuscito a passare il suo compagno di marca, al settimo giro, che è iniziato il peggio. “Purtroppo ho spinto come se fosse l’ultimo giro, mentre ne mancavano ancora diciannove”, prosegue. “Penso di essermi emozionato troppo, perché non appena ho superato Maverick mi sono detto: ‘Ok, devo spingere per raggiungere Jack’. Purtroppo la gomma anteriore si era surriscaldata e la pressione era troppa. Alla curva 3 ho scivolato, alla 4 sono andato un po’ largo, ho cercato di frenare dolcemente, ma sono arrivato largo e ho perso l’anteriore. Per questo sono caduto, è stato uno sbaglio mio”.

Dopo la scivolata, Quartararo ha ripreso la gara dalla ventesima posizione, è rientrato ai box, ma al suo ritorno in pista è finito per terra per la seconda ed ultima volta. “Volevo sentire il terreno sia dal lato destro che da quello sinistro”, ha scherzato. “Alla curva 6 andavo piano, ma ho perso l’anteriore aggressivamente. È stato molto strano, quella seconda caduta non me la so spiegare”.

A Misano, dunque, è arrivato il primo ritiro della stagione del francese, che gli ha fatto perdere anche il comando della classifica generale per la prima volta dall’inizio della stagione. “Peccato, perché avevo il passo per lottare per la vittoria. È un po’ frustrante, ma almeno abbiamo imparato qualcosa. Questo è solo il mio secondo anno in MotoGP: posso essere veloce, ma non posso comprare l’esperienza. Bisogna viverla, commettere errori e apprendere lezioni importanti”.

Fabio Quartararo sulla Petronas Yamaha nel Gran Premio di San Marino di MotoGP 2020 a Misano (Foto ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)
Fabio Quartararo sulla Petronas Yamaha nel Gran Premio di San Marino di MotoGP 2020 a Misano (Foto ANDREAS SOLARO/AFP via Getty Images)