MotoGP Misano, Vinales: “Yamaha forte, spingerò dall’inizio”

Soddisfatto Maverick Vinales per la pole position conquistata a Misano. Il centauro Yamaha non fa troppi calcoli per la gara, darà il massimo per vincere.

Maverick Vinales
Maverick Vinales (Getty Images)

Maverick Vinales è il primo dei quattro piloti Yamaha che hanno monopolizzato le Qualifiche MotoGP a Misano. Sua la pole position con un tempo record sul circuito intitolato a Marco Simoncelli.

Dopo alcune gare difficili, il rider spagnolo ha grande voglia di tornare sul podio. Ovviamente spera di poter vincere, però è importante per lui rimettersi davanti in generale dopo aver sofferto nei GP precedenti. C’è anche una corsa al titolo da non dimenticare.

Vinales commenta le Qualifiche di Misano

Vinales nella conferenza stampa post-Qualifiche MotoGP a Misano ha così commentato il suo risultato di oggi: «Sono riuscito a fare un bel giro, anche in mattinata avevo fatto bei tempi. Ero molto concentrato, abbiamo fatto la strategia giusta e ho un buon passo. Tutte le Yamaha vanno veloci e domani vogliamo migliorare ancora».

In ottica gara il pilota del team Monster Energy Yamaha non fa troppi calcoli: «L’unica cosa che voglio fare è godermi la gara, soprattutto dopo le ultime difficili che abbiamo vissuto. Voglio divertirmi, voglio spingere dall’inizio alla fine, poi vedremo cosa otterremo. Punto a dare il meglio possibile per la squadra».

Maverick ha grande fiducia per questo fine settimana sul tracciato romagnolo: «La nostra moto va davvero bene, riusciamo a spingere soprattutto nei punti irregolari. L’anno scorso io e Fabio eravamo forti. Chiunque di noi può vincere, bisogna essere concentrati dall’inizio della gara».

Il rider di Figueres non sa prevede chi potrà combattere con lui e gli altri colleghi in sella alla M1, ribadisce la sua idea: «La gara spesso può essere diversa, perché l’aderenza cambia. Spingerò dall’inizio e di godermela in ogni singolo giro. Punto a combattere per la vittoria, è la cosa più importante dopo le ultime corse».

Per quanto concerne le gomme, ci sono delle scelte ancora da prendere: «Tutte le opzioni sono fattibili, anche se c’è sempre una gomma che piace un po’ di più. Dobbiamo ottenere il massimo a Misano, poi ci saranno altre due o tre piste dovremmo andare bene. Portimao è un’incognita per tutti».