MXGP, Herlings si fa male: ora Cairoli può sognare il 10° titolo

Dopo l’infortunio rimediato da Jeffrey Herlings durante il Gran Premio di Faenza Tony Cairoli può tornare a rincorrere il sogno del 10° titolo.

Antonio Cairoli (Getty Images)
Antonio Cairoli (Getty Images)

Un inizio di stagione balbettante aveva portato Tony Cairoli ad allontanarsi dalle posizioni di vertici nella MXGP, ma grazie alle ultime buone prestazioni il siciliano era riuscito a riportarsi quantomeno in seconda piazza. Ora però per il talento siculo si è spalancato un vero e proprio portone sul sogno del 10° titolo.

Durante le prove del Gran Premio di Faenza, infatti, il capolista del Mondiale, Herlings, è stato vittima di una brutta caduta che gli è costata un infortunio. Con il campionato corto e concentrato del 2020 chi si ferma è perduto e l’olandese è passato così da un confortante più 60 su Cairoli ad un più preoccupante più 22.

Primo trionfo per Prado

Durante le due manche a Faenza, infatti, Cairoli, pur non riuscendo a portare a casa il successo è riuscito a piazzarsi 4° e 3°, raccogliendo ben 38 punti. Il rider di Patti ora vede più vicino l’obiettivo Mondiale, che nella prima parte di stagione sembrava così lontano. Occhi puntati però anche su Tim Gajser. Il campione del mondo uscente ha vinto Gara 2 e ora insegue Herlings a 26 lunghezze.

A Faenza grandi festeggiamenti però per il rookie Prado, che è riuscito nell’impresa di vincere il Gran Premio grazie ai due secondi posto ottenuti nelle due manche. Grande prestazione anche per Seewer che ha vinto Gara 1 e ora è 4° in classifica a 46 punti dal leader Herlings. A questo punto bisognerà capire l’infortunio dell’olandese per quanto tempo lo terrà lontano dalla moto. Ricordiamo che il rider della KTM già un anno fa non aveva potuto difendere il titolo vinto nel 2018 a causa di un infortunio nel pre-campionato.

Antonio Russo

Tony Cairoli (Getty Images)
Tony Cairoli (Getty Images)