Alex Marquez a Misano per provare a centrare un’altra top 10 e avvicinarsi al gruppo dei grandi. Con il sogno di salire sul podio come negli E-Sports.

Alex Marquez
Alex Marquez (getty images)

Nelle prime cinque gare del calendario MotoGP Alex Marquez ha conquistato una sola top-10, ma l’obiettivo del campione Moto2 non è tanto fare risultato, quando prendere le misure alla Honda RC213V. Senza suo fratello Marc, Repsol Honda naviga in brutte acque e sta registrando una delle sue peggiori stagioni dell’ultimo trentennio in classe regina.

Gli obiettivi di Alex

In vista del doppio round di Misano Alex Marquez proverà a fare un ulteriore passo avanti nel feeling con la moto. Ha trascorso le ultime due settimane a casa dopo il timido risultato in terra austriaca (16 ° posto). “È stato bello tornare a casa, rilassarsi un po’, vedere la famiglia e continuare ad allenarsi. In Austria non è andata esattamente come volevo, ma sono determinato a tornare più veloce questo fine settimana”.

Misano non è un circuito completamente sconosciuto per Álex Márquez. Nel 2016 ha avuto l’opportunità di guidare una RC213V sulla pista italiana. Inoltre, la scorsa stagione è riuscito a salire sul podio con la Moto2. Più recentemente, durante il lockdown, ha ottenuto un ottimo risultato anche nella gara virtuale che la MotoGP ha organizzato a Misano. “Abbiamo avuto una bella battaglia a Misano nella gara di e-sport di inizio anno. Spero che possiamo fare di nuovo una buona gara. Misano è un circuito molto vario, la prima parte è più serrata e la seconda più veloce”.

Bradl mira alla zona punti

A sostituire Marc Marquez ci sarà ancora il collaudatore tedesco Stefan Bradl, che però fatica a trovare un buon ritmo con la Honda 2020. Il suo obiettivo per questo fine settimana è continuare a lavorare sulla moto in assenza dell’otto volte campione, forte dei dati raccolti nell’ultimo test sul circuito sanmarinese: “Abbiamo fatto molti progressi nelle prime tre gare e ho una buona esperienza a Misano. Come sempre, sarà un weekend impegnativo, ma siamo partiti con più informazioni e dati rispetto alle gare precedenti. Ci aiuterà a essere più veloci sin dall’inizio”.

Le Honda di Alex Marquez e Stefan Bradl nel Gran Premio della Repubblica Ceca di MotoGP 2020 a Brno (Foto Gold & Goose/Red Bull)
Le Honda di Alex Marquez e Stefan Bradl nel Gran Premio della Repubblica Ceca di MotoGP 2020 a Brno (Foto Gold & Goose/Red Bull)