“Valentino Rossi fa bene a continuare”: a spingerlo è il suo grande rivale

0
19228

Livio Suppo, l’ex team principal storico rivale di Valentino Rossi, oggi lo spinge a continuare a correre: “Facciamo finta di non ricordare quanti anni ha”

Valentino Rossi in pista (Foto Yamaha)
Valentino Rossi in pista (Foto Yamaha)

Ora perfino Livio Suppo fa il tifo per Valentino Rossi. Lo storico team principal che combatté (e riuscì anche a sconfiggere) il Dottore alla Ducati prima con Casey Stoner e alla Honda poi con Marc Marquez, ora che è lontano dall’impegno attivo in MotoGP, lo spinge invece a non smettere di correre, malgrado l’anagrafe.

“Facciamo finta di non ricordare quanti anni avrà nel 2021”, commenta il manager torinese ai microfoni del Resto del Carlino. “Finché Vale sta così in forma, finché avrà questa voglia di correre e di divertirsi farà bene a continuare e a regalare emozioni. Rossi ha una passione incredibile ed è ancora molto forte. Ovvio, non è quello del 2000”.

L’analisi di Livio Suppo sulla MotoGP 2020

Vale a parte, Suppo analizza un Motomondiale come quello in corso dall’andamento davvero difficilmente pronosticabile, per via dell’assenza forzata del suo dominatore Marc Marquez. “Stagione strana. Senza Marquez c’è molto equilibrio”, spiega. “E poi ci sono diverse sorprese che nessuno forse aveva messo in conto. Prendiamo la Ktm, alla vigilia del 2020 era impensabile fosse già così forte. Obiettivamente è un campionato indecifrabile. Ci sono stati risultati strani. Quartararo è partito a razzo, poi la sua Yamaha ha iniziato a soffrire. Vinales non sembra aver ancora imboccato la strada delle continuità, eppure anche lui è su una Yamaha. Strano anche il comportamento di Dovizioso in Austria. Domina e vince la prima domenica, poi sparisce quella successiva”.

Un altro effetto della mancanza del campione del mondo in carica è stato però la scoperta dei talenti emergenti: “Nel Motomondiale è in atto un ricambio generazionale radicale”, conferma Suppo. “Mi piacciono molto i vari Binder, Mir, Oliveira, Pol Espargaro. Giovanissimi e davvero forti. Poi è stato un peccato che Bagnaia sia rimasto fuori per infortunio. Pecco è un pilota molto interessante”.

L'ex team principal della Honda, Livio Suppo (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
L’ex team principal della Honda, Livio Suppo (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)