Nissan Z Proto, un’occhiata al successore della gloriosa 370Z – VIDEO

A pochi giorni dalla rivelazione ufficiale del modello, Nissan mostra un ultimo teaser che fa aumentare l’attesa intorno al successore della 370Z…

nissan z proto
(Image by Motor1)

Dopo tanto tempo, finalmente è arrivato. Beh, quasi.

Il 16 settembre prossimo, si toglierà il velo sul nuovo modello Z. Per allentare l’attesa, Nissan ha fatto mostrato l’ennesimo video teaser che aggiunge altri pezzi al puzzle dell’auto sportiva. A ulteriore conferma del fatto che il design esterno riprenderà i modelli Z del passato, la clip mostra fari rotondi simili alla Nissan Fairlady Z / Datsun 240Z e fanali posteriori ispirati a quelli della 300ZX (Z32).

Leggi anche -> BUGATTI CHIRON SUPER SPORT 300+ E PUR SPORT IN FASE DI TEST A NARDÒ – VIDEO

Stiamo anche familiarizzando sempre di più con il logo Z aggiornato che adorna il montante posteriore come un altro richiamo alle auto Z di un tempo. La Nissan ci ha anche regalato un’occhiata all’interno dell’abitacolo, dove siamo tentati di credere che l’auto abbia una leva del cambio per il cambio manuale. Le cuciture gialle sono evidenti sulla console centrale, ma il cambio fai-da-te rimane l’attrazione principale in questo breve video.

Mentre i dettagli relativi alle specifiche tecniche rimangono avvolti nel mistero, Nissan afferma che la nuova vettura Z combina un “tema retrò con la tecnologia moderna” e che “non deluderà“. È probabile che la rivelazione ufficiale riguardi tecnicamente un prototipo, dato l’uso di “Proto” nel nome, ma dovrebbe essere vicino alla realtà. L’azienda ha adottato un approccio simile nel 2005 con la GT-R Proto, che sembrava quasi identica alla R35 pronta per la produzione che è arrivata un paio di anni dopo.

nissan z proto
(Image by Motor1)

Il fatto che sarà un prototipo piuttosto che un vero e proprio modello di produzione potrebbe significare che la Nissan sta ancora dando il tocco finale al successore della 370Z. Collegando i puntini, potrebbe non arrivare sul mercato fino al prossimo anno, forse addirittura nel 2022.