Paolo Ciabatti: “Abbiamo scommesso su Pecco Bagnaia”

0
620

Paolo Ciabatti dà massima fiducia a Pecco Bagnaia. L’ex campione Moto2 è il favorito per affiancare jack Miller nel team factory.

Paolo Ciabatti (Foto Ducati)
Paolo Ciabatti (Foto Ducati)

Ducati deve fare i conti con l’infortunio di Pecco Bagnaia che ha ha saltato i due turni in Austria, proprio su un circuito dove le Ducati erano le favorite. Il pilota Pramac dovrebbe essere regolarmente in pista a Misano per contendersi un posto nel team factory a partire dal prossimo anno.

Quel che è certo è che Ducati gli rinnoverà il contratto per altri due anni, resta solo da capire in quale team: resterà in Pramac o andrà nel team ufficiale? L’azienda scioglierà i suoi dubbi entro settembre. “Pecco avrebbe meritato il secondo posto a Jerez. Perché era più veloce di tutti, forse con l’eccezione di Quartararo ”, afferma a Speedweek.com Paolo Ciabatti. “Era secondo perché era veloce, non perché altri avversari hanno sbagliato. Ha guidato la Ducati più o meno allo stesso modo in cui Marc ha guidato la Honda. È stato un bene perché questo modo di guidare ha mandato un messaggio agli altri piloti Ducati, soprattutto Dovizioso. Ha visto che con un certo stile di guida si riesce a far girare la moto, anche su un percorso che non è una delle migliori piste per il nostro marchio”.

I risultati di Pecco Bagnaia ad inizio campionato hanno spinto il vicecampione a studiare i suoi dati ma senza esito. Adesso per l’ex campione Moto2 sembra giunto il momento del riscatto, anche se l’infortunio di Brno è arrivato nel momento meno opportuno, proprio quando stava iniziando a ingranare con la GP20 dopo un 2019 non troppo brillante. “Tuttavia, dobbiamo tenere conto che la Ducati non è la moto più facile per un debuttante. Per un principiante, la Yamaha o la Suzuki sono le migliori moto – ha aggiunto Paolo Ciabatti -. Anche sulla Honda, i rookie stanno attraversando una fase difficile. Tutti lo sanno. Ma abbiamo scommesso su Pecco due anni fa. Ecco perché gli abbiamo dato una moto 2020 per quest’anno, come Jack Miller. Ha fatto molto bene a Jerez a luglio. Vedremo cosa potrà ottenere nelle restanti gare”.

Paolo Ciabatti (Getty Images)