Il prezzo di un team: quanto pagano gli americani per comprarsi la Williams

La Williams finisce nelle mani di un fondo d’investimento americano, il Dorilton Capital, per la cifra di 152 milioni di euro

La Williams di Nicholas Latifi in pista al Gran Premio di Spagna di F1 2020 a Barcellona (Foto Bryn Lennon/Getty Images)
La Williams di Nicholas Latifi in pista al Gran Premio di Spagna di F1 2020 a Barcellona (Foto Bryn Lennon/Getty Images)

Centocinquantadue milioni di euro. Tanto avrebbe pagato il fondo d’investimento privato newyorkese Dorilton Capital per acquistare la Williams, stando alle cifre riportate dalla testata specializzata economica Bloomberg. Al netto dei debiti e dei costi di transazione, saranno 112 i milioni che finiranno nelle tasche dei vecchi azionisti, ovvero in sostanza della famiglia Williams.

È l’ultimo atto della storia di una delle scuderie private storiche della Formula 1, fondata nel 1977 da Frank Williams (nel frattempo diventato Sir), che l’avrebbe portata a vincere nei decenni nove campionati del mondo costruttori e sette piloti, prima di passare la mano a sua figlia Claire. Con cui (non esclusivamente per colpa sua, s’intende) ha toccato il fondo, diventando mestamente il fanalino di coda del campionato negli ultimi anni.

Con la Williams se ne va l’epoca gloriosa della Formula 1 storica

Ed è anche l’ultima delle squadre a conduzione familiare che perde la sua autenticità e finisce anche lei nel calderone della gestione finanziaria. “La fine di un’era”, per usare le parole di Leo Turrini, decano dei giornalisti italiani nel Mondiale a quattro ruote.

“Probabilmente Frank Williams è stato il più grande, con Colin Chapman, tra quelli che il Drake chiamava, con poco affetto!, garagisti”, ha scritto sul suo blog nel sito del Quotidiano nazionale. “Sommessamente, credo che il declino, troppo lungo, del team sia stato crudelmente inaugurato dalla tragedia di Ayrton. Lo so che dopo la Williams ha vinto ancora, ma ci sono episodi che spezzano l’anima e deviano il corso della storia”.

Leggi anche —> Gli eredi sono spesso sinonimo di rovina. Così è finita la Williams

La Williams di George Russell in pista al Gran Premio di Spagna di F1 2020 a Barcellona (Foto Josep Lago/Pool/Afp/Getty Images)
La Williams di George Russell in pista al Gran Premio di Spagna di F1 2020 a Barcellona (Foto Josep Lago/Pool/Afp/Getty Images)