Valentino Rossi MotoGP
MotoGP, Valentino Rossi in Stiria (getty images)

Non è iniziato bene il weekend MotoGP in Stiria per Valentino Rossi. Al termine delle prime due sessioni di prove libere è fuori dalla top 10 della classifica combinata FP1-FP2.

Domattina nel terzo turno dovrà riuscire a migliorare il suo tempo per evitare di dover partire dalla Q1 delle Qualifiche. Oggi tredicesimo crono per il Dottore, davanti a Fabio Quartararo. Entrambi in difficoltà, ma desiderosi di migliorare sabato mattina.

LEGGI ANCHE -> MotoGP Stiria, Prove Libere 2: tempi e classifica finale

Valentino Rossi dopo le Prove Libere

Rossi ha così commentato le sue prove libere MotoGP di oggi a Spielberg: “Non sono tra i primi 10 – spiega a Speedweek – perché abbiamo cercato di risparmiare una gomma per domani e quindi solo nel pomeriggio abbiamo provato un time attack. La strategia avrebbe potuto essere buona, ma avremmo dovuto fare il time attack in mattinata perché nel pomeriggio faceva molto caldo ed stato difficile per noi migliorare. È stato un errore”.

A Valentino è stato anche domandato della questione sicurezza, tema tornato di grande attualità recentemente: “Credo che il livello e l’aggressività siano aumentati dalle classi minori in poi. I giovani piloti quando giungono in MotoGP sono tutti molto aggressivi. Servirebbero regole più chiare e rigorose, come in Formula 1. È l’unico modo per evitare questa escalation, che è pericolosa”.

Infine il pilota Yamaha ha confermato che Francesco Bagnaia rimarrà in Ducati per i prossimi due anni: “Sono vicini a un accordo. Spero per Pecco che passi alla squadra ufficiale. Tutti in Pramac sono certamente molto capaci, ma il team ufficiale ha qualcosa in più sulla carta”.

Valentino Rossi sulla sua Yamaha nelle prove libere del Gran Premio d'Austria di MotoGP 2020 allo Spielberg (Foto Joe Klamar/Afp/Getty Images)
Valentino Rossi sulla sua Yamaha nelle prove libere del Gran Premio d’Austria di MotoGP 2020 a Spielberg (Foto Joe Klamar/Afp/Getty Images)