Aleix Espargarò non nasconde l’amarezza per la vittoria del diretto avversario KTM in Repubblica Ceca.

Aleix Espargaro
Aleix Espargaro (getty images)

Aleix Espargarò non può nascondere un certo malumore dopo aver visto KTM salire sul gradino più alto del podio a Brno. Nonostante la casa austriaca abbia esordito in MotoGP dopo la casa di Noale, ha compiuto passi in avanti molto più in fretta nello sviluppo del prototipo.

Non nega certo i grandi passi avanti della RS-GP 2020, ma ancora una volta Aprilia rischia di recitare il ruolo di fanalino di coda del Mondiale. “Quest’anno abbiamo dimostrato di essere veloci. Quindi penso che tutto sia completamente diverso: le gomme e la RS-GP20. Ecco perché sono un po’ più positivo. Abbiamo migliorato molto la moto rispetto allo scorso anno. Anche il consumo di carburante è stato un grosso problema qui lo scorso anno, quest’anno siamo migliorati in questo settore. La RS-GP20 è anche molto meglio quando si tratta di girare”.

Le differenza con la KTM

Resta difficile la conquista del podio nonostante una moto migliore, “ma dobbiamo confrontarci non solo con noi stessi e l’anno precedente, ma anche con i nostri rivali. Siamo ancora molto lontani dai miei obiettivi. È vero, la KTM è arrivata dopo”, ha ammesso Aleix Espargarò. “Tutto quello che dobbiamo fare è applaudirli perché hanno fatto un ottimo lavoro con un approccio completamente diverso rispetto agli altri produttori, con il proprio sistema di telaio. Il livello che ha mostrato con Pol lo scorso anno è stato davvero un bel passo avanti. Quest’anno sono semplicemente molto forti con Pol, Binder e Oliveira… Ci sto provando, sto lavorando molto e sto mettendo tutto quello che posso in questo progetto con Aprilia. Per ora la verità è che non siamo dove io e Aprilia vogliamo essere… È la migliore moto che abbia mai avuto su Aprilia. Ma non è abbastanza”.

Aleix non crede alle voci di complotto gomme tra Michelin e KTM, ma non sa analizzare il fenomeno austriaco. “È difficile analizzare una moto dall’esterno. Nemmeno io parlo molto di motociclette con Pol. Quindi non so esattamente come funzionano e come si avvicinano alle gare. Ma so che gli austriaci hanno una mentalità diversa rispetto a spagnoli e italiani ”, ha detto il maggiore dei fratelli Espargarò. “Sembra che abbia fatto un grande passo avanti nell’elettronica. Dal mio punto di vista, la differenza più grande è la potenza pura: la KTM è un razzo. In rettilineo sembrano la Ducati al suo apice. La trazione e la potenza che hanno è sorprendente. Non credo che l’Aprilia sia una moto peggiore della KTM, ma dal mio punto di vista fanno la differenza con il motore”.

Aleix Espargaro (foto Aprilia)