Il futuro di Raikkonen è in bilico e c’è già chi bussa all’Alfa

Dalla Finlandia consigliano a Raikkonen di lasciare la F1 e intanto qualcuno si sarebbe già proposto all’Alfa Romeo.

Kimi Raikkonen (©Alfa Romeo Twitter)

Per Kimi Raikkonen la lunga avventura targata F1 cominciata nel 2001 potrebbe essere giunta ai titoli di coda. E’ chiaro che la C39 che sta guidando  non potrà mai consentirgli di lottare per la zona punti essendo addirittura messa peggio della Williams, se poi aggiungiamo che le macchine dell’anno prossimo saranno le stesse di oggi, la soluzione meno indolore per un campione del mondo che sta correndo il forte rischio di occupare stabilmente l’ultima posizione, potrebbe rivelarsi proprio quella dell’addio. Se non altro per non rovinarsi il nome.

“La situazione è piuttosto brutta al momento”, ha dichiarato Mika Salo, ex pilota Ferrari al giornale finnico Iltasanomat. “E lui forse non è pienamente motivato. Da professionista non saluterà in corso di stagione, ma credo che sia finita”.

Con un giudizio al limite del tranchant, il 53enne ha in pratica sostenuto che l’unica via abbordabile per Iceman è quella che porta all’uscita dal Circus.

L’incredibile Hulk ha già bussato

Rientrato dal cancello Racing Point dopo aver salutato la compagnia dalla finestra Renault per sostituire Sergio Perez, positivo al Covid, nei due weekend di Silverstone, Nico Hulkenberg, non ha nascosto di voler tornare a tempo pieno nella massima serie e per questo ha avviato le discussioni con due team in particolare: l’Alfa Romeo e la Haas, praticamente cn quelli più in difficoltà a causa del motore del Cavallino.

“Non so se queste due apparizioni giocheranno a mio favore perché è da un po’ che parliamo. Mi conoscono e non credo possano esserne influenzati. Penso ci vorrà ancora pazienza”, ha sostenuto il #27, reduce da un podio e speranzoso di riguadagnare il sedile perso.

Intanto il 40enne schierato da Hinwil continua a riflettere magari pregando in una ripresa della squadra così da poter terminare la propria carriera come meritato e non da fanalino di coda come un pilota qualsiasi.

(©Nico Hulkenberg Twitter)

Chiara Rainis