MotoGP Brno, Morbidelli felice del primo podio: “Vengo dalla Serie B”

Franco Morbidelli si gode il suo primo podio in MotoGP ottenuto a Brno dopo una gara praticamente perfetta, non era possibile sconfiggere Brad Binder oggi.

Franco Morbidelli
Franco Morbidelli sul podio di Brno 2020 (Getty Images)

Per una prima parte di gara ha accarezzato il sogno di vincere la gara di Brno, ma alla fine Franco Morbidelli si è dovuto accontentare di un ottimo secondo posto. È il suo primo podio assoluto in MotoGP.

Non era possibile battere la KTM di Brad Binder, che quando lo ha superato al 13° giro ha poi allungato in maniera netta. Per il pilota del team Petronas Yamaha SRT comunque un ottimo risultato. Qualche rimpianto per il ritiro della scorsa gara a Jerez, altrimenti il distacco in classifica da Fabio Quartararo sarebbe molto inferiore ai 28 punti attuali.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> MotoGP, Johann Zarco: “Non siamo qui per ballare”

Morbidelli felice del risultato a Brno

Morbidelli nell’immediato post-gara ha così commentato il suo secondo posto conquistato nel Gran Premio della Repubblica Ceca 2020: «Bella sensazione, mi godo il momento. È stata una buona gara, sono partito bene e ho fatto quello che avevo programmato. Volevo prendere il ritmo senza stressare troppo le gomme, non volevo spingere eccessivamente. Ho cercato di arrivare alla fine con la moto e di prendermi il podio. Ringrazio la squadra e tutte le persone che lavorano con me. Ora andiamo in Austria con grande gioia e molta forza».

Ai microfoni di Sky Sport MotoGP il pilota italo-brasiliano del team Petronas Yamaha SRT che poi aggiunto un messaggio ricco di umiltà: «Non vengo da dove vengono la maggior parte dei piloti che corrono con me. Vengo da un altro mondo, vengo dalla Serie B tra virgolette, da un’altra scuola. Quando sono arrivato qui sei anni fa ci tenevo a fare un buon lavoro e non ho voluto mai strafare. Ho sempre cercato di capire cosa stavo facendo per avere tutto o quasi sotto controllo, così da recuperare anche ciò che mi manca e mancava. Io faccio sempre il passo secondo la gamba, anche se sembra che me la prenda comoda».