Superbike 2021, niente Phillip Island? Lo scenario alternativo

0
43

Il Covid-19 sta costringendo lo Stato del Victoria ad adottare misure restrittive rigide. Round SBK di Phillip Island in dubbio se non migliorerà la situazione.

Phillip Island Australia Superbike
Il circuito di Phillip Island (foto WorldSBK)

A differenza di MotoGP e Formula 1, il campionato mondiale Superbike era riuscito a disputare una tappa del campionato 2020: quella in Australia. A Phillip Island weekend spettacolare prima della pausa forzata causa Covid-19.

Da tanti anni il round australiano è quello di apertura della stagione SBK. Il circuito nella località di Ventnor dà spesso vita a gare entusiasmanti, con tanta battaglia ed emozioni. Ma per il 2021, non è ancora sicuro che il campionato potrà partire da lì.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE -> Superbike 2020, round Portimao: orari diretta TV e streaming

SBK 2021, round d’Australia al The Bend?

Stando ai contratti, anche il prossimo WorldSBK deve partire dall’Australia e precisamente da Phillip Island, ma l’emergenza Covid-19 può modificare lo scenario. Nello Stato del Victoria, dove si trova Ventnor, sono ancora in vigore forti restrizioni a causa dell’ormai noto coronavirus. A Melbourne c’è persino il coprifuoco dalle 20 alle 5.

Bisognerà vedere se per fine febbraio, quando è previsto il round Superbike in Australia, le misure restrittive saranno state allentate in modo tale da permettere un grande evento con quello. Daniel Andrews, presidente dello Stato del Victoria, di recente ha annunciato il livello 4 delle limitazioni.

Se a Phillip Island non si dovesse poter correre, il round SBK d’Autralia potrebbe comunque non saltare. Su Speedweek spiegano che Dorna potrebbe prendere in considerazione la possibilità di correre su un altro tracciato australiano: il Bend Motorsport Park (chiamato anche “The Bend”). Si trova nello stato del New South Wales, a circa un’ora di auto da Adelaide.

Essendo solamente agosto questi sono discorsi prematuri, ma Dorna vorrà farsi trovare pronta ad ogni eventualità. Tutto dipenderà da cosa succederà nei prossimi mesi. Se l’emergenza Covid-19 dovesse proseguire, bisognerà prepararsi a qualsiasi scenario. Anche a non vedere correre il WorldSBK in Oceania, non a inizio campionato almeno. Ovviamente si spera che il round di Phillip Island venga confermato.

Rea Redding Lowes
Lowes, Rea e Redding sul podio a Phillip Island (Getty Images)