Marquez si arrende: a Brno non ci sarà. Ecco chi lo sostituisce sulla Honda

0
674

Operato ieri al braccio per la seconda volta, Marc Marquez dovrà saltare anche il Gran Premio della Repubblica Ceca a Brno. Sulla Honda lo sostituisce Bradl

Marc Marquez (Foto Gold & Goose/Red Bull)
Marc Marquez (Foto Gold & Goose/Red Bull)

La seconda operazione chirurgica a cui si è sottoposto ieri non lascia altra scelta a Marc Marquez se non quella di gettare la spugna. Il tentativo di rientrare in pista a Jerez, a soli quattro giorni dal precedente intervento, forzando i tempi di recupero a tal punto da danneggiare la placca di titanio nel suo omero, gli ha insegnato una lezione importante.

Tanto che, stavolta, il campione del mondo in carica non farà colpi di testa: guarderà dalla televisione il terzo appuntamento del campionato del mondo 2020 di MotoGP, il Gran Premio della Repubblica Ceca a Brno. Anche se questo significherà, con certezza ormai quasi totale, dover dire addio ai sogni di titolo iridato in questa stagione.

Bradl sulla Honda di Marquez

A sostituire Marquez nel box della Honda sarà invece il collaudatore Stefan Bradl, già l’anno scorso impegnato in quattro gare con la RC213V, la migliore conclusa al decimo posto, al Sachsenring. In sette partenze a Brno nella sua carriera in MotoGP, il pilota tedesco ha centrato ben tre arrivi nelle prime dieci posizioni.

“Prima di tutto auguro a Marc una pronta guarigione”, commenta Bradl. “Quello che ha fatto a Jerez è stato incredibile e ha dimostrato il suo vero spirito da campione. Per quanto mi riguarda, non vedo l’ora di tornare sulla Honda: per via della pandemia globale non siamo riusciti a provare come avremmo voluto, perciò mi ci vorrà un po’ di tempo per adattarmi di nuovo alla MotoGP, ma nel frattempo ho guidato un paio di volte la moto da Superbike, perciò so di essere in forma. Si tratta di una sfida a cui guardo con interesse, correre con la Honda è sempre un grande onore e sono felice di aiutarli. Vediamo come andrà il weekend”.

Leggi anche —> Senza Marquez come cambia la storia della MotoGP?

Stefan Bradl (Foto Gepa pictures/Harald Steiner/Red Bull)
Stefan Bradl (Foto Gepa pictures/Harald Steiner/Red Bull)