Dani Pedrosa: il ritorno in pista può diventare realtà

0
584

Dani Pedrosa potrebbe compiere alcune wild card nella stagione MotoGP 2021. Il sogno di tanti fan diventa realtà.

Dani Pedrosa MotoGP KTM
Dani Pedrosa (getty images)

In KTM c’è grande soddisfazione dopo le prime due gare a Jerez. Pol Espargarò ha centrato un sesto e settimo posto in sella alla RC16, una moto che ha mostrato grandissime doti ed ha ancora margine di crescita grazie alle concessioni. Nel primo round anche Miguel Oliveira ha centrato una top-10 e adesso si punta ad avvicinarsi alle big.

Il CEO di KTM, Stefan Pierer, è felice del suo team MotoGP e ha una grande fiducia nei suoi piloti Espargaró, Oliveira e Binder . “Pol vuole anche dimostrare che è il pilota giusto per il futuro team. E faremo tutto il possibile per fornirgli il miglior materiale possibile fino all’ultimo giorno”. Dal prossimo anno il pilota residente in Andorra passerà armi e bagagli alla Honda, ma per il 2020 la casa austriaca vuole togliersi le ultime soddisfazioni, per capire tutto il potenziale del suo prototipo e pianificare il futuro anche con l’arrivo di Danilo Petrucci. “Il nostro obiettivo per questa stagione è di ottenere risultati a una cifra”, ha dichiarato il CEO in un’intervista a Speedweek.com. “Abbiamo una stagione insolita quest’anno e forse possiamo lottare per il podio. I risultati preseason sono stati molto buoni e non vedo l’ora che arrivino le prossime gare”.

Pedrosa perno centrale del progetto

Attualmente, KTM è quarta nel campionato costruttori, mentre il suo pilota di punta è 5° a pari punti con Takaaki Nakagami. “Ora stiamo raccogliendo i frutti del nostro lavoro” , ha aggiunto Pit Beirer. Alla KTM invece di Pol Espargaró avrebbero voluto vedere lo spagnolo 34enne Dani Pedrosa nel 2021 come pilota regolare: “La decisione dipende dal pilota e penso che Dani avesse ragione quando ha detto di no. Ma non scludo la possibilità che faccia una o due apparizioni nel 2021. Sarebbe sicuramente un’ottima notizia, soprattutto per le gare in cui è particolarmente forte”.

A lui il merito di aver sviluppato la KTM RC16 da un anno a questa parte, contribuendo a migliorare il telaio e tutte le altre aree. Un lavoro che finora ha premiato degnamente la casa austriaca. Dal prossimo anno il sogno di tanti fan di rivederlo in gara potrebbe esaudirsi.

Dani Pedrosa in sella alla Ktm nel primo test di MotoGP al Red Bull Ring dopo la quarantena (Foto Philip Platzer/Red Bull)
Dani Pedrosa in sella alla Ktm nel primo test di MotoGP al Red Bull Ring dopo la quarantena (Foto Philip Platzer/Red Bull)