“Valentino Rossi può vincere il Mondiale”: parola di Yamaha

Secondo Lin Jarvis, dopo il podio conquistato a Jerez, anche Valentino Rossi potrebbe ambire in questo 2020 al titolo iridato.

Valentino Rossi (Getty Images)
Valentino Rossi (Getty Images)

Valentino Rossi dopo il terribile finale di stagione del 2019 è tornato finalmente sul podio nella seconda gara del 2020. Il rider di Tavullia a Jerez si è difeso dagli attacchi degli avversari e alla fine è riuscito a portare a casa un risultato che rincorreva ormai da più di un anno.

A fine gara però Vale non ha risparmiato alcune critiche alla sua squadra per aver perso tanto tempo nell’accettare le indicazioni che il Dottore aveva dato agli ingegneri per rendere la M1 più comoda per il suo stile di guida.

Jarvis: “Vale avrà maggiori motivazioni”

Come riportato da “Corsedimoto.com”, Lin Jarvis ha così affermato: “Valentino mi ha sorpreso per la sua capacità di adattarsi alla situazione. Sapevo che per lui era molto importante  tornare in vetta e ottenere un risultato importante. Questo è stato fondamentale per la sua motivazione mentale. Vale si è ritrovato. Dopo la gara l’ho visto entusiasta e sollevato dopo 15 mesi senza podio. Per lui è stato importante”.

Il team principal della Yamaha ha poi proseguito parlando della possibilità per il #46 di conquistare il 10° titolo: “Credo che a questo punto avrà maggiori motivazioni in questa strana annata di MotoGP. Dopo due GP tutti i migliori piloti possono vincere il Mondiale. Può accadere di tutto in questo sport. Per Valentino non sarà semplice perché ci sono Fabio e Maverick che sono molto consistenti, ma sicuramente anche lui ha la possibilità di vincere il titolo. Sottolineo però che non sarà semplice”.

Antonio Russo

 

Visualizza questo post su Instagram

 

È stato(quasi)come avervi lì con me!grazie del tifo A virtual hug is better than nothing! 🎥 by @motogp 📸 @falex79 @gigisoldano

Un post condiviso da Valentino Rossi (@valeyellow46) in data:

Valentino Rossi e Maverick Vinales (Getty Images)
Valentino Rossi e Maverick Vinales (Getty Images)