Pol Espargarò approda a Brno con il 4° posto in classifica piloti e costruttori. Un buon segno per il proseguimento di campionato della KTM.

Pol Espargarò (getty images)

KTM e Pol Espargarò hanno iniziato nel migliore dei modi la stagione 2020 di MotoGP. Sesto e settimo posto a Jerez de la Frontera, con una KTM che ha avuto poco da invidiare alle big. E pensare che il tracciato andaluso è stato solitamente sfavorevole alla RC16! Il meglio deve ancora venire, come a Misano, dove lo scorso anno Pol ha guadagnato la prima fila nelle qualifiche.

Il catalano vuole lasciare un bel segno nel team austriaco prima di passare alla Repsol Honda. Merito anche del lavoro svolto dal collaudatore Dani Pedrosa da oltre un anno a questa parte, consentendo di apportare modifiche decisive. “Nella seconda gara di Jerez ho perso più tempo sul vincitore rispetto alla prima”, ha osservato Pol Espargaró a Speedweek.com. “Ma ciò che conta alla fine sono i punti. La seconda domenica è stata una giornata molto difficile, se non altro perché sono dovuto partire dal 12° invece del 6 ° posto come sette giorni prima. All’inizio ho visto i migliori piloti proprio di fronte a me. Ma poi ho fatto un errore e Petrucci e mio fratello Aleix mi hanno beccato”.

Il doppio week-end andaluso

Sicuramente è stato il week-end più difficile in carriera anche per via delle temperature estreme. “Dietro a mio fratello, il caldo è diventato sempre più grande e non c’è stato vento per molto tempo”, ha aggiunto Pol Espargarò. “Il caldo mi ha sconfitto. Ad un certo punto ho visto Dovizioso di fronte a me, ma era troppo lontano. Non riuscivo a raggiungerlo. Mio fratello mi è caduto di fronte. Ci sono stati molti incidenti nella mia zona, incluso quello di Petrucci. Ho chiuso 7°. È stato meglio portare con me i nove punti in questo breve campionato. È stata la gara più dura della mia vita, senza dubbio”.

Pol Espargarò arriva a Brno con il 4° posto in classifica che condivide con Takaaki Nakagami. Un risultato inatteso fino al via del Mondiale 2020. “Mostra l’ottimo lavoro svolto da KTM in inverno. Certo, la moto deve funzionare bene. Allo stesso tempo, i risultati devono essere portati al traguardo. E abbiamo visto che la Yamaha aveva già avuto problemi al motore, così come Ducati e Aprilia. Non ci sono stati problemi al motore in KTM. Ciò dimostra che siamo uno sport di squadra. Non è uno sport individuale. E grazie al nostro lavoro di squadra, siamo al quarto posto nel campionato costruttori”.

Pol Espargaro e Jorge Lorenzo (Getty Images)
Pol Espargaro e Jorge Lorenzo (Getty Images)