Mercedes senza avversari? Hamilton: “C’è Bottas a spingermi”

Lewis Hamilton ha rimarcato il grande lavoro svolto da parte del compagno di team Valtteri Bottas durante questo weekend sin qui.

Lewis Hamilton (Getty Images)
Lewis Hamilton (Getty Images)

Lewis Hamilton ha firmato di nuovo un’altra pole. Dopo aver avuto dei problemi durante la Q2, dove si è anche girato nella ghiaia costringendo i commissari a sospendere la sessione per qualche minuto, il britannico non ha più sbagliato un colpo stabilendo il nuovo record assoluto della pista.

A margine della gara il pilota della Mercedes ha così affermato: “C’è un grosso distacco tra noi e il terzo posto però non importa. Alla fine c’è Valtteri che mi spinge e ha fatto un lavoro fantastico per tutto il weekend. Io ho apportato alcune modifiche, ma ho peggiorato la situazione e quindi ho faticato tantissimo. Questa è una pista fantastica però con le varie folate di vento, a volte in faccia, a volte in coda ti cambia tutto tra un giro e l’altro”.

Hamilton: “Sarebbe stato bello vedere i tifosi qui”

Lewis Hamilton ha poi proseguito: “Bisogna gestire tutto bene per raggiungere il top della velocità. Ad un certo punto mi sono girato. Nelle qualifiche di solito bisogna costruire la propria fiducia giro dopo giro. Quando mi sono girato già ero dietro nel primo settore ogni giro allora ho cercato di respirare profondo e di ritrovare la calma e la compostezza. Nel Q3 le cose sono cominciate nel modo giusto. Questa cosa non è mai inusuale per me”.

Infine il pilota inglese ha parlato dell’assenza dei fan sugli spalti: “Onestamente sarebbe stato bello vedere i tifosi qui. Normalmente qui ci sono bandiere, fumo e urla. L’atmosfera è decisamente diversa e ci manca. Spero che siano felici del risultato di oggi. Voglio ringraziare il team che lavora poco lontano da qui perché non si fermano mai, spingono sempre di più sullo sviluppo della vettura”.

Antonio Russo

Hamilton (Getty Images)
Hamilton (Getty Images)