Il direttore sportivo della Ferrari, Laurent Mekies, non si aspetta miracoli a Silverstone: “Non ci sono formule magiche, dovremo lavorare sodo”

Charles Leclerc in pista nel Gran Premio d'Ungheria di F1 2020 all'Hungaroring (Foto Ferrari)
Charles Leclerc in pista nel Gran Premio d’Ungheria di F1 2020 all’Hungaroring (Foto Ferrari)

“Nel tornare a Silverstone c’è sempre un’emozione speciale, anche se in questa stagione non vedremo gli appassionati britannici sulle tribune. Sono comunque sicuro che ci faranno percepire la loro presenza”.

Oltre ai due piloti Sebastian Vettel e Charles Leclerc, anche tutta la squadra Ferrari si prepara al ritorno in pista, con il Gran Premio di Gran Bretagna che è il primo dei due consecutivi previsti dal calendario della Formula 1, sullo storico circuito inglese ricavato da un ex aeroporto militare.

Mekies: “Nessuna formula magica, Ferrari lavora per lo sviluppo”

E dunque il direttore sportivo Laurent Mekies racconta così le sfide a cui è chiamata la Rossa in questo weekend di gara, partendo da quelle tecniche: “Ci aspetta il primo tracciato con medie velocistiche molto elevate, sul quale saremo impegnati per due settimane di fila. Sarà dunque fondamentale utilizzare queste gare per comprendere ancora meglio la nostra vettura. Sappiamo che sotto il profilo della competitività per noi non sarà facile, ma quello su cui ci dobbiamo concentrare è l’acquisizione di quanti più dati possibile che ci aiutino a indirizzare lo sviluppo della SF1000 nella giusta direzione”.

Mekies mette le mani avanti: nessuna aspettativa di risultato, semmai si lavora per progredire. Del resto la macchina è ancora la stessa che due settimane fa in Ungheria è finita due volte doppiata, e nel frattempo non è certo avvenuto un miracolo. Ma gli ingegneri, rientrando da Budapest a Maranello, non hanno comunque smesso di impegnarsi per crescere.

“La squadra corse ha avuto modo di tornare a casa per qualche giorno dopo la prima tripletta di gare, ma siamo pronti a scendere nuovamente in pista con la volontà di portare a casa il massimo da questo weekend sotto il profilo dei risultati”, prosegue il ds Ferrari. “Questo inizio di stagione sta richiedendo certamente una prova di carattere da parte di tutti, ma sappiamo di poter contare su un team compatto, sui nostri piloti e sui tifosi per fare gruppo e riuscire a reagire. Non ci sono formule magiche per cambiare rapidamente lo stato delle cose e sappiamo che abbiamo davanti tanto lavoro. Ma siamo qui per farlo”.

Le ultime parole di Mekies sono per i nuovi Gran Premi annunciati sul finale di stagione, tra i quali spicca la terza trasferta italiana a Imola: “Infine, è bello aver visto il calendario di questa stagione completarsi ulteriormente con tre nuove gare confermate che si terranno su circuiti dalle caratteristiche molto differenti tra loro. Credo che possano rappresentare una sfida stimolante per le squadre e un bello spettacolo per gli appassionati”.

Leggi anche —> Silverstone dà speranze alla Ferrari. Vettel: “Chissà come andremo”

Charles Leclerc in pista nel Gran Premio d'Ungheria di F1 2020 all'Hungaroring (Foto Ferrari)
Charles Leclerc in pista nel Gran Premio d’Ungheria di F1 2020 all’Hungaroring (Foto Ferrari)