In questo video vedremo Misha Charoudin a bordo della sua Polestar 1 mentre spinge la vettura nel difficile circuito del Nurburgring.

polestar 1
(Image by Motor1)

Sebbene la maggior parte delle persone conoscerà Misha Charoudin per aver guidato auto incredibilmente veloci in giro per l’Inferno Verde, c’è molto di più di quanto sembri.

Charoudin è un po’ un fanatico delle Volvo, visto che ne ha possedute tre nella sua storia automobilistica. Per questo motivo è certamente qualificato per parlare della Polestar 1 mentre la guida intorno al “Ring“.

Il viaggio inizia in modalità completamente elettrica, dove la Polestar è silenziosa e tranquilla. A differenza di molti altri veicoli della sua classe, la Polestar 1 offre un’enorme autonomia di 125 chilometri in modalità elettrica. Dopo essere sceso in pista, Charoudin attiva la modalità ibrida, dove il motore elettrico e il motore a combustione interna lavorano in armonia. È già chiaro che, anche se la Polestar 1 è commercializzata come auto GT, può comunque sfrecciare a velocità folli.

Dopo aver percorso la curva di Hatzenbach, Charoudin stava già prendendo confidenza con le capacità della Polestar 1. Anche con il suo peso massiccio, l’intelligente sistema di vettorializzazione della coppia del veicolo lo nasconde molto bene per tutto il giro. Non sorprende che la configurazione delle sospensioni di fabbrica produca un po’ di sottosterzo, ma Charoudin ha detto di poter indurre il sovrasterzo in caso di necessità.

Leggi anche -> NISSAN ARIYA, RIUSCIRÀ IL MODELLO ELETTRICO A COMPETERE CON LA TESLA MODEL Y? – VIDEO

Anche se si sarebbe portati a credere che le batterie contribuiscano alla maggior parte del peso del veicolo, non sono così pesanti come si potrebbe pensare. Le batterie sono pesanti, ma sono posizionate in basso nell’auto per ottimizzare la dinamica del veicolo. In questo modo, il veicolo vanta una distribuzione del peso del 48 per cento nella parte anteriore e del 52 per cento in quella posteriore.

L’ingegnere della Polestar seduto accanto a Charoudin dice che il veicolo è dotato anche di ammortizzatori Ohlins che consentono fino a 24 diverse impostazioni delle sospensioni. Già immensamente soddisfatto della vettura, Charoudin ha suggerito che si potrebbe fare un passo avanti con sospensioni più rigide e pneumatici da pista.