Fabio Quartararo: “Yamaha ha il solito problema dell’anno scorso”

0
198

Fabio Quartararo analizza la Yamaha M1 2020. Sono migliorati i punti di forza, ma resta il solito problema: la velocità massima.

MotoGP, Fabio Quartararo

Dopo aver perso 20 minuti nella FP1 per un penalty, nella FP2 Fabio Quartararo è stato molto veloce, piazzando il secondo crono del pomeriggio. Ma nella classifica combinata è fuori dalla top-10 e stamane dovrà guadagnarsi l’accesso diretto alla Q3 nella FP2. Il feeling con la nuova M1 non è proprio dei migliori per il francese del team Petronas.

A Iwata hanno lavorato per compiere un ulteriore step durante l’inverno e la pausa per lockdown, ma ancora non convince il pilota 21enne. “All’inizio non avevo buoni sentimenti con la moto, né in frenata nè in curva. Penso che sia stata una delle sessioni di prove più difficili della mia carriera in MotoGP”. Al pomeriggio il suo team ha apportato delle modifiche che gli hanno permesso di migliorare il ritmo. Le temperature dell’asfalto prossime ai 60°C rendono tutto più difficile. “Penso che entrambe le gare di Jerez saranno difficili quest’anno. Il problema è che fa molto caldo e devi stare attento. Ma abbiamo fatto molti progressi in termini di ritmo di gara e anche fisicamente”.

La potenza non è di casa Yamaha

Nella sessione pomeridiana, che si svolge contemporaneamente alla gara, il suo collega di box Franco Morbidelli è stato il più veloce. Quartararo era secondo, ma i piloti ufficiali Yamaha Rossi e Vinales hanno chiuso più indietro. “Stiamo lavorando, ma è solo la prima gara dell’anno, quindi dobbiamo testare molto sulla moto e non è facile eseguire ogni sessione. Come ho detto, la moto è completamente nuova per me e non ho molta esperienza in MotoGP , quindi è molto facile perdere un po’ la giusta direzione”.

Ma Fabio Quartararo evidenzia il vero punto debole della Yamaha M1, la velocità massima, dove accusa almeno 10 km/h di gap rispetto a Honda e Ducati. “Il problema è lo stesso dell’anno scorso. Penso che Yamaha abbia fatto un piccolo passo avanti alla massima velocità, ma anche gli altri hanno fatto progressi. Quindi il problema è che se avremo 12 km/h di differenza qui a Jerez, temo che saranno 20 in Catalunya. Questo è qualcosa che mi preoccupa un p ‘, ma come ho detto, dobbiamo pensare al nostro potenziale, senza guardare gli altri, tranne il ritmo che hanno. Ma sappiamo di avere questo punto debole. Abbiamo molti aspetti positivi, quindi dobbiamo lavorare con ciò che abbiamo e rimanere concentrati”.

Fabio Quartararo (getty images)