Schumacher incorona Charles Leclerc: “Ha ucciso Sebastian Vettel”

L’ex pilota di Formula 1 Ralf Schumacher applaude Charles Leclerc per la capacità che ha dimostrato di battere politicamente Sebastian Vettel alla Ferrari

Charles Leclerc rientra ai box dopo l'incidente nel Gran Premio di Stiria di F1 2020 al Red Bull Ring (Foto Peter Fox/Getty Images)
Charles Leclerc rientra ai box dopo l’incidente nel Gran Premio di Stiria di F1 2020 al Red Bull Ring (Foto Peter Fox/Getty Images)

L’incidente di domenica scorsa al Gran Premio di Stiria sarà anche stato provocato da Charles Leclerc, ma il modo in cui il giovane monegasco ha gestito gli immediati postumi dello scontro alla fine potrebbe addirittura avere giocato a suo favore.

Questo, almeno, è quanto afferma l’ex pilota di Formula 1 Ralf Schumacher, che ha applaudito la piena assunzione di responsabilità da parte del Piccolo principe. “Devo dire onestamente che Leclerc mi sembra più intelligente di Sebastian, da quel punto di vista”, ha dichiarato il fratello minore del leggendario Michael, ai microfoni di Sky Germania.

La dimostrazione è avvenuta proprio domenica pomeriggio: “Charles si è subito alzato in piedi e ha detto: ‘Ho sbagliato io’, che suona molto meglio rispetto a: ‘Ero scontento della macchina, perciò sono felice di essere rimasto in pista’ (come aveva detto Vettel dopo il suo errore della domenica precedente, ndr). Leclerc è un bravo ragazzo, ma è capace di sgomitare. In squadra ha ucciso politicamente Sebastian, in pochissimo tempo. Per la sua età è incredibilmente maturo”.

Schumacher scommette sul ritorno di Vettel alla Red Bull

Nonostante abbia perso la guerra politica interna alla Ferrari, però, Sebastian Vettel resta “un pilota di prima classe”, secondo Ralf Schumacher, che spera di vederlo ancora sulla griglia di partenza nel 2021. “Penso che per lui sia possibile tornare alla Red Bull, dal momento che ha ancora rapporti molto stretti lì dentro, specialmente con Didi Mateschitz (il proprietario, ndr)”, afferma il tedesco.

I Bibitari hanno per ora smentito l’intenzione di riprendere in squadra il 33enne Vettel, ma Ralf è convinto che entro la fine della stagione 2020 un sedile da quelle parti si potrebbe in effetti liberare: “Non possiamo dimenticare che Alexander Albon è in media mezzo secondo più lento di Verstappen. Al giro!”, chiosa Schumacher. “A lungo termine una squadra non se lo può permettere. Per vincere il campionato costruttori serve un pilota che possa arrivare regolarmente secondo o terzo dietro a Max Verstappen“. Ovvero, Vettel?

Leggi anche —> Il “day after” in casa Ferrari: tra Vettel e Leclerc tutto risolto. O no?

F1 - Ralf Schumacher (Getty Images)
F1 – Ralf Schumacher (Getty Images)