La trattativa per il rinnovo del contratto tra Andrea Dovizioso e Ducati è al momento bloccata in attesa dei primi GP, rivela il manager Simone Battistella

Andrea Dovizioso (Foto Ducati)
Andrea Dovizioso (Foto Ducati)

Data ormai per scontata la firma di Valentino Rossi con il team satellite Yamaha Petronas (l’annuncio è questione di giorni), la pedina più prestigiosa che deve ancora trovare posto nel mosaico del mercato piloti MotoGP 2021 è quella di Andrea Dovizioso.

Solo che nel suo caso le trattative per il rinnovo del contratto con la Ducati non procedono a rilento, sono proprio bloccate: “Tutto fermo”, conferma il suo manager Simone Battistella ai microfoni del quotidiano sportivo Tuttosport. “La Ducati ci ha comunicato che ha deciso di aspettare le prime gare, prima di discutere l’eventuale rinnovo del contratto. Una proposta non l’abbiamo ancora ricevuta, ma abbiamo dato la disponibilità ad aspettare qualche gara e una loro offerta”.

Non è una questione di soldi

E anche le voci di un presunto stallo per ragioni economiche vengono categoricamente smentite da Battistella: “Andrea ha accettato una riduzione dell’ingaggio per il 2020, ben consapevole delle problematiche dovute al Covid”.

Forse a bloccare le trattative tra Dovizioso e il marchio bolognese è piuttosto il flirt parallelo che il boss Gigi Dall’Igna starebbe portando avanti con il suo pupillo Jorge Lorenzo: “Non so quali siano le valutazioni della Ducati su Jorge, e alla fine ci interessa poco. Non ci poniamo neppure il problema. Per noi conta se la Ducati ha voglia di continuare il rapporto con Dovi. Dopo tanti anni insieme non è questione di fastidio, ma solo di capire se da entrambe le parti è il caso di continuare insieme. Per farlo tutti devono essere d’accordo e soprattutto contenti. I matrimoni si fanno in due”.

Dovizioso, o si firma o si ferma

Su un punto, però, il procuratore di Desmodovi non ha dubbi: se non si firmerà con la Rossa di Borgo Panigale, il suo protetto si fermerà almeno per una stagione. “Se la Ducati decidesse di non voler proseguire e non ci fossero nuove prospettive interessanti, Andrea potrebbe fermarsi, prendere un anno sabbatico e dedicarsi ad altro, in attesa della giusta occasione. Di sicuro non ha assolutamente intenzione di ritirarsi. Magari potrebbe fare una stagione nell’amato cross, senza il patema di farsi male”.

E, a proposito di motocross, la buona notizia è che l’infortunio alla spalla rimediato durante una gara su sterrato non dovrebbe limitare il pilota forlivese nell’avvio di stagione: “Sicuramente c’è stato un rallentamento, ma è stato subito risolto bene, nel migliore dei modi”, rivela Battistella. “Tutto è stato fatto alla perfezione. Dopo sei ore Andrea era già operato e il giorno dopo ha ricominciato subito la preparazione. Era in forma splendida, quindi ha recuperato in fretta. Venerdì scorso ha fatto una giornata intera sui kart senza problemi. Domani a Jerez girerà regolarmente nei test pre-partenza”.

Andrea Dovizioso (Foto Ducati)
Andrea Dovizioso (Foto Ducati)