Jonathan Rea contento del test Superbike disputato a Montmelò. Passi avanti in sella alla sua Kawasaki ZX-10RR, pronta per il round di Jerez adesso.

Jonathan Rea Superbike
Jonathan Rea (foto Kawasaki Racing Team)

Il test Superbike di Montmelò si è chiuso nel segno di Jonathan Rea, autore del miglior tempo in sella alla sua Kawasaki ZX-10RR. Crono record per lui. Il nord-irlandese ha lavorato tanto sul setup, impegnandosi sia sui giri secchi che sul ritmo gara.

Anche se è il riferimento del campionato, avendo vinto gli ultimi cinque titoli di fila, sa che non può adagiarsi perché ha avversari pronti a soffiargli il trono. Primo tra tutti Scott Redding, che ha chiuso solo a un decimo e mezzo da lui. Neanche gli altri vanno sottovalutati, comunque.

Superbike, Rea soddisfatto del test a Montmelò

Rea ha così commentato il lavoro svolto presso il Barcelona-Catalunya Circuit: «Stamane ho utilizzato una gomma da gara, la gomma morbida e poi due gomme da qualifica. Questo era l’obiettivo: lavorare al ritmo più alto e vedere cosa riuscivamo a fare. Successivamente abbiamo ripreso a lavorare con il set-up e abbiamo provato a confermare alcuni elementi all’anteriore per darmi un po’ più di stabilità».

In Kawasaki hanno fatto delle comparazioni a livello di set-up, ambito nel quale avevano lavorato anche a Misano: «Abbiamo lavorato su entrambe le moto per capire se confermare il set-up con cui siamo arrivati dal test di Misano. Ho preferito questo al mio vecchio assetto di base. Non so se è perché la temperatura si adatta a quel tipo di assetto o se il mio stile di guida si è evoluto durante questo periodo di pausa ed è cambiato. Ora ho un buon feeling».

Rea ha concluso il suo intervento nella seguente maniera: «Nel pomeriggio ho aspettato che la temperatura fosse al massimo per fare due long run su entrambe le moto per capire alcuni elementi di prova. Ci siamo sentiti abbastanza costanti e ora non vediamo l’ora di andare a Jerez».